L'Aula 3 della Scuola Holden, a Torino, durante una lezione (Scuola Holden)

I “Training Camp”, i nuovi corsi della Holden

Fino al 20 marzo è possibile iscriversi a due nuovi progetti: uno per creare la sceneggiatura di un fumetto horror e un altro per scrivere un libro per bambini

L'Aula 3 della Scuola Holden, a Torino, durante una lezione (Scuola Holden)

Da quest’anno la Scuola Holden di Torino avrà due nuovi tipi di corsi aperti a tutti, senza limiti d’età, e rivolti a chi voglia dedicarsi a un particolare ambito di narrazione, come ad esempio i libri per bambini, i romanzi e le sceneggiature di genere o la cronaca sportiva. Si chiamano “Training Camp” e durano sei mesi: ogni corso avrà posti limitati, quindici al massimo, e come docenti principali (nel gergo della Holden: “trainer”) alcuni professionisti del settore. Le lezioni si svolgeranno in parte online, in parte a Torino, dove ha sede la Scuola Holden, durante tre fine settimana. Alla fine dei corsi gli studenti potranno presentare i loro progetti a un gruppo di editori e provare a convincerli a pubblicarli con un pitch, come succede anche per gli studenti del biennio della scuola (per cui sono aperte le iscrizioni fino al 30 settembre).

Fino al 20 marzo sono aperte le selezioni per i primi due “Training Camp”: uno è rivolto a chi vuole scrivere la sceneggiatura di un fumetto horror e si chiama “The Writing Dead“, l’altro è “Kids” ed è pensato per chi vuole provare a scrivere un libro per ragazzi o per bambini. Le lezioni inizieranno a metà aprile e finiranno a settembre. Per iscriversi è necessario inviare il proprio curriculum e una presentazione del progetto che si vorrebbe realizzare.

Altri tre “Training Camp” sono previsti per la seconda metà del 2016: “Storytelling politico”, “Raccontare lo sport” e “Scrivere il noir”. Entro il 28 marzo la scuola comunicherà i risultati delle selezioni: il costo dei corsi è di 2.900 euro.

“The Writing Dead”: scrivere il fumetto horror

Il nome del primo dei due “Training Camp” che stanno per iniziare contiene una citazione della serie televisiva The Walking Dead, che prima di essere adattata per la tv era un fumetto di Robert Kirkman. I “trainer” del corso saranno il fumettista Tito Faraci (che nel 2015 ha pubblicato il romanzo La vita in generale), Andrea Cavaletto, sceneggiatore di Dylan Dog e Martin Mystere, e Luca Blengino, sceneggiatore di fumetti e autore di libri per ragazzi: ognuno di loro sceglierà cinque persone da seguire e le affiancherà per tutti e sei i mesi del “Training Camp”. Un ruolo lo avranno anche i cosiddetti “coach” che terranno delle lezioni introduttive agli studenti per spiegare il funzionamento del “Training Camp”: per “The Writing Dead” saranno Jacopo Masini, Andrea Ciccarelli, entrambi della casa editrice di fumetti saldaPress, e Matteo Casali, che insegna sceneggiatura e storytelling presso l’Accademia di Belle Arti di Bologna.

Insieme al curriculum e alla sinossi del fumetto che vorrebbero realizzare (lunga al massimo 3.600 battute, spazi inclusi), i candidati devono inviare la sceneggiatura della prima tavola. Alla fine del corso gli studenti potranno presentare le loro sceneggiature ad alcuni rappresentanti delle case editrici di fumetti italiane, tra cui Michele Foschini della BAO Publishing, Gianmaria Contro di Sergio Bonelli Editore, e Stefano Ascari di Radium.

“Kids”: scrivere per ragazzi e bambini

Per iscriversi alle selezioni per il secondo dei primi due “Training Camp” è necessario specificare la fascia di età dei lettori a cui è rivolto il proprio progetto: 6-10 anni, 11-13 anni, oppure maggiori di 14 anni (la categoria dei cosiddetti “Young Adult”). Anche in questo caso poi bisogna inviare il proprio curriculum e una sinossi del progetto (3.600 battute, spazi inclusi, al massimo). I “trainer” di “Kids” saranno cinque – la scrittrice Eleonora Sottili, Mariella Martucci e Carolina Capria, Fabio Geda e Marco Magnone – ma il numero di studenti che saranno ammessi non cambia, perché Martucci e Capria lavorano insieme come coppia di autrici (hanno scritto la serie di Jo Corallina per Mondadori Ragazzi), e lo stesso vale per Geda e Magnone (autori della serie per ragazzi Berlin, sempre per Mondadori). I “coach” che terranno le lezioni introduttive al “Training Camp” sono Beatrice Masini, Giordano Aterini, Silvia Schiavo, Giuseppe Mazza e Anna Cairanti.

Il giorno dei pitch saranno presenti Maria Chiara Bettazzi di Giunti Junior, Fiammetta Giorgi, editor della narrativa “Young Adult” sempre da Giunti, Francesca Dal Negro di Feltrinelli Kids, Enrico Racca di Mondadori Ragazzi e Il Battello a Vapore, Andrea Pestalozza di Salani, Giordano Aterini di Rizzoli Ragazzi e Paolo Canton di Topipittori.

Le altre informazioni sono sul sito della Scuola Holden.