(MARC ALEX/AFP/Getty Images)
  • Moda
  • Questo articolo ha più di sei anni

Zara va sempre meglio

Nel 2015 le vendite sono cresciute del 17,5 per cento rispetto al 2014, soprattutto grazie all'apertura di 79 nuovi negozi: le ragioni del successo sono le stesse da anni

(MARC ALEX/AFP/Getty Images)

Per Inditex – la compagnia spagnola che controlla Zara, Bershka, Oysho, Stradivarius, Pull & Bear e altri marchi di fast fashion (cioè di abbigliamento alla moda e a basso costo) – il 2015 è stato un anno di grandi guadagni: soltanto in autunno è stato superato il miliardo di dollari e, stando ai dati appena resi pubblici e relativi a tutto il 2015, le vendite sono aumentate del 15 per cento rispetto all’anno precedente: si parla di 20 miliardi di euro, per un guadagno netto di 2,9 miliardi di euro. Nel 2015 il fondatore di Inditex, lo spagnolo Amancio Ortega, è diventato il secondo uomo più ricco al mondo, stando all’annuale classifica di Forbes. Il gruppo vale 100 miliardi di dollari, circa 90 miliardi di euro.

Zara è l’azienda trainante del gruppo – e la prima a essere stata fondata, nel 1975 nella città spagnola La Coruña. Nel 2015 ha aumentato le vendite del 17,5 per cento rispetto al 2014, soprattutto grazie all’apertura di 79 nuovi negozi: ora ne gestisce 2.002 in tutto il mondo. Sempre nel 2015 Inditex ha aperto 350 negozi di tutti i marchi del gruppo; progetta di aprirne altri 460 nel 2016 ma di chiuderne 120 più piccoli e in zone periferiche. Inditex punta a sviluppare la vendita online e ad aprire grossi negozi di punta, contrariamente a quanto fa la catena svedese H&M, il suo principale concorrente, con tanti piccoli negozi a breve distanza l’uno dall’altro.

L’obiettivo di Inditex per il 2016, scrive il sito di moda Fashionista, è aprire i negozi online dei suoi marchi in tutti i paesi della Unione Europea e in Turchia, che ora rappresentano il 61,7 per cento degli acquisti online. Nel 2015 Inditex ha aperto la vendita online a Taiwan, Hong Kong e Macao, contribuendo alla crescita del 2,4 per cento delle vendite del gruppo in Asia.

In molti negli anni hanno cercato di capire perché Inditex e in particolare Zara continuino ad andare così bene. In sostanza il successo dipende dalla capacità dell’azienda di intercettare le mode e il gusto del pubblico e di proporre capi rapidamente a prezzi accessibili. Un altro fattore è il continuo ricambio di vestiti e accessori nei negozi: ogni settimana ne arrivano di nuovi, invogliando i clienti a ritornare e comprare qualcosa. Infine, il processo di produzione è molto rapido e integrato. Il tempo che passa dalla progettazione del modello alla sua realizzazione è molto breve, cosa che permette di realizzare i capi nel corso della stagione, aggiustando il tiro dei rifornimenti quasi in tempo reale: il contrario di quello che fanno le aziende di lusso o di maggiore qualità che hanno bisogno di più tempo per i tessuti e per realizzare gli abiti, e devono scommettere in anticipo sulla quantità da produrre. I marchi di Inditex vengono invece prodotti in base alle tendenze.