(EPA/DIEGO AZUBEL)
  • Mondo
  • giovedì 10 marzo 2016

Giocare a polo con gli elefanti

Le foto del King's Cup, una versione più insolita dei composti tornei di polo inglese

(EPA/DIEGO AZUBEL)

Fino al 13 marzo a Bangkok, in Thailandia, si giocherà il King’s Cup Elephant Polo, un torneo di polo giocato in sella agli elefanti. È un evento annuale di beneficenza creato per raccogliere fondi da destinare alla protezione e conservazione degli elefanti, arrivato alla sua quattordicesima edizione: partecipano diciotto elefanti e quaranta giocatori, divisi in dieci squadre. Gli elefanti sono nati e cresciuti in allevamento in Thailandia e sono per lo più animali portati da campi turistici per le escursioni, come ad esempio quello di Pattaya, che è una delle città più frequentate dai turisti.

Tornei simili si svolgono anche in Sri Lanka e Nepal. A causa della lentezza degli animali il campo di gioco è più piccolo di un tradizionale campo di polo (circa tre quarti) e ogni elefante è cavalcato da due persone: un mahout, un conduttore di elefanti, e un giocatore ufficiale che gli dà indicazioni. Le foto sono belle e una variante più insolita dei più composti tornei di polo inglese, con piedi nudi che sbucano dalle orecchie degli elefanti, monaci e danze tradizionali.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.