(Robertus Pudyanto/Getty Images)
  • Sport
  • martedì 1 Marzo 2016

Facce da campioni di ping pong

Le foto dei Campionati mondiali di tennis tavolo, in corso in Malesia: atleti concentratissimi, facce buffe e sguardi storti a quelle ipnotiche palline bianche

(Robertus Pudyanto/Getty Images)

Dal 28 febbraio si stanno svolgendo a Kuala Lumpur, in Malesia, i Campionati mondiali a squadre di tennistavolo, a cui partecipa anche l’Italia, con una squadra femminile e una maschile. La competizione è divisa in sei gironi, in ciascuno dei quali giocano sei squadre. La squadra vincitrice di ogni girone ottiene la qualificazione ai quarti di finale mentre le seconde e le terze classificate devono passare prima per gli ottavi. La fase a gironi si concluderà il 2 marzo, e fino al 6 marzo ci saranno gli incontri ad eliminazione diretta e poi la finale. I campionati mondiali di ping pong, sia quelli a squadra che quelli individuali, sono generalmente dominati dagli atleti cinesi, che hanno vinto praticamente tutti i tornei disputati negli ultimi dieci anni. Dal 2003 i mondiali di ping pong sono stati riorganizzati: negli anni pari si gioca il torneo a square mentre in quelli dispari vengono disputati i torneo individuali.

Le grandi competizioni sportive sono sempre molto apprezzate dai fotografi sportivi, per via della facilità con cui si possono scattare foto ad atleti concentratissimi e in pose bizzarre. Anche da Kuala Lumpur sono arrivate diverse belle foto, che nel caso del ping pong (lo chiamiamo tutti così, in fondo) mostrano anche le facce buffissime degli atleti che si apprestano a colpire quelle piccolissime e leggerissime palline bianche. A giudicare da come le guardano, ci dev’essere qualcosa di ipnotico in loro.

La squadra maschile italiana (composta da Niagol Stoyanov, Alessandro Baciocchi, Mihai Bobocica, Leonardo Mutti e Marco Rech), si trova in girone con Russia, Corea del Sud, Hong Kong, Romania e Croazia; le donne (Chiara Colantoni, Veronica Mosconi, Giorgia Piccolin e Debora Vivarelli) sono con Slovacchia, Lituania, Svizzera, Egitto e Messico.