I 17 video musicali visti più di un miliardo di volte su YouTube

La prima la conoscete tutti, e ok, ma le altre? Le ultime ci sono arrivate molto in fretta

Ci sono oggi 17 video musicali che hanno registrato più di un miliardo di visualizzazioni su YouTube. La prima canzone ha raggiungere la soglia di un miliardo è stata Gangnam Style di Psy, pubblicata nel 2012; ma la canzone meno recente dell’elenco è Baby di Justin Bieber, uscita nel 2010. Il sito Polygraph, che illustra fenomeni di cultura pop utilizzando grafici e dati, ha messo insieme i 17 video e si è accorto che quelli più vecchi ci hanno messo molto più tempo ad arrivare ad un miliardo di visualizzazioni, rispetto a quelli più recenti. Baby ha impiegato 1.471 giorni (marzo 2014), Love the Way You Lie di Eminem e Rihanna è uscita nell’agosto 2010 e ha raggiunto un miliardo di visualizzazioni questo febbraio, Dark Horse di Katy Perry – uscita nel dicembre 2013 – ci ha messo 486 giorni (giugno 2015).

11 delle 17 canzoni sono uscite tra il 2014 e il 2015: See You Again di Wiz Khalifa è uscita come tributo a Paul Walker – l’attore diventato famosissimo con la saga cinematografica Fast & Furious e morto in un incidente stradale nel novembre 2013 – e ha impiegato solo 181 giorni per arrivare a un miliardo di visualizzazioni; Hello, il singolo tratto dall’ultimo disco di Adele (ottobre 2015), ci ha messo 86 giorni. L’unica eccezione è Gangnam Style, che nonostante sia uscita nel luglio 2012 ha impiegato solo 158 giorni per arrivare al miliardo di visualizzazioni: è tuttora il video musicale più visto di sempre su YouTube con poco più di due miliardi e mezzo di visualizzazioni. Il secondo più visto, Blank Space di Taylor Swift, ne ha meno di un miliardo e mezzo. Qui di seguito l’elenco dei video musicali in ordine cronologico con il numero di giorni che hanno impiegato per superare la soglia del miliardo.

Baby – Justin Bieber feat. Ludacris: 19 febbraio 2010 (1471)

Love the Way You Lie – Eminem feat. Rihanna: 5 agosto 2010 (1989 giorni)

Party Rock Anthem – LMFAO: 8 marzo 2011 (1752 giorni)

Gangnam Style – Psy: 15 luglio 2012 (158 giorni)

Counting Stars – OneRepublic: 31 maggio 2013 (884 giorni)

Roar – Katy Perry: 5 settembre 2013 (684 giorni)

Dark Horse – Katy Perry: 20 febbraio 2014 (486 giorni)

Bailando – Enrique Iglesias: 11 aprile 2014 (490 giorni)

Chandelier – Sia: 6 maggio 2014 (567 giorni)

All About That Bass – Meghan Trainor: 11 giugno 2014 (445 giorni)

Shake It Off – Taylor Swift: 18 agosto 2014 (368 giorni)

Blank Space – Taylor Swift: 10 novembre 2014 (238 giorni)

Uptown Funk – Mark Ronson feat. Bruno Mars: 19 novembre 2014 (298 giorni)

Sugar – Maroon 5: 14 gennaio 2015 (368 giorni)

Lean On – Major Lazer & Dj Snake: 22 marzo 2015 (290 giorni)

See You Again – Wiz Khalifa: 6 aprile 2015 (181 giorni)

Hello – Adele: 22 ottobre 2015 (87 giorni)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.