(ANSA/ PRIMA PAGINA)
  • Italia
  • sabato 13 febbraio 2016

Che sta succedendo a Napoli

Dall'inizio dell'anno ci sono stati dodici omicidi: la causa sembra essere lo scontro tra gruppi di giovani criminali, il ministro Alfano ha detto che manderà l'esercito

(ANSA/ PRIMA PAGINA)

Nella notte tra mercoledì e giovedì due uomini – rispettivamente di 33 e 32 anni – sono stati uccisi a colpi d’arma da fuoco a Saviano, poco lontano da Napoli. Uno dei due è stato trovato all’interno dell’automobile su cui viaggiava, l’altro poco lontano, come se fosse riuscito a fuggire per alcuni metri prima di essere raggiunto dai suoi assassini. Nessuno dei due aveva gravi precedenti penali.

Dall’inizio dell’anno dodici persone sono state uccise a Napoli, cinque soltanto negli ultimi giorni. Nel 2014, l’ultimo anno per cui sono disponibili i dati completi, in provincia di Napoli ci sono stati meno di cinquanta omicidi. Secondo la polizia le sparatorie degli ultimi giorni non sono collegate tra loro: non sarebbero quindi una guerra di clan, come quella costata decine di morti che avvenne nell’inverno tra il 2004 e il 2005 a Scampia tra il clan di Lauro e i cosiddetti Scissionisti. Le indagini sono solo all’inizio, ma secondo polizia e giornalisti gli ultimi casi di omicidi hanno soltanto due elementi in comune: sono quasi tutti legati alla lotta per il controllo del traffico di droga e sono stati compiuti da ragazzi molto giovani, qualcuno anche minorenne. «Qui la normale amministrazione è una guerra quotidiana legata alla droga e nutrita di omertà, combattuta da centauri non ancora maggiorenni», ha scritto pochi giorni fa Roberto Saviano su Repubblica.

Nel suo articolo, Saviano ha riportato le parole del capo della squadra mobile di Napoli, Fausto Lamparelli, che ha confermato che gli assassini sono spesso «giovanissimi, disposti a tutto. Sanno di poter ottenere nel breve periodo potere e soldi pagati poi con la vita o l’ergastolo. Qui non si può procedere solo con l’attività di polizia giudiziaria, noi facciamo la nostra parte, ma la camorra va combattuta con lavoro, impegno, investimento. Cose facili a dirsi, ma difficilissime a realizzarsi».

In un’intervista alla trasmissione “Effetto giorno” di Radio 24, il questore di Napoli Guido Marino ha spiegato che una delle causa delle violenze di questi giorni è da ricercare nei successi ottenuti dalle operazioni di polizia negli ultimi mesi e anni. Oggi un’intera generazione di boss della criminalità organizzata si trova in prigione e lo spazio lasciato libero è stato occupato da criminali più giovani, spesso meno prudenti e capaci ma più spietati. Molte delle persone uccise o ferite in queste ultime settimane sono incensurate, colpite per sbaglio o a causa di parentele molto lontane con i criminali che gli assassini volevano colpire.

Pochi giorni fa il ministro dell’Interno Angelino Alfano è intervenuto sul caso dicendo che Napoli è l’unica città in Italia dove gli omicidi continuano ad essere in aumento, mentre nel resto del paese hanno raggiunto il livello più basso di sempre. Alfano ha anche proposto di inviare l’esercito a Napoli, una soluzione accolta con favore dal questore Marino e definita invece inutile dal sindaco della città Luigi de Magistris. In questi casi i soldati vengono usati in funzioni di pattuglia e sorveglianza, in modo da poter liberare agenti di polizia per le attività di indagine. La presenza di militari, inoltre, permette di moltiplicare la attività sul territorio, rendendo così molto più complicate le attività criminali come lo spaccio di droga.

Spesso i capi criminali cercano di evitare di attirare l’attenzione delle autorità, in modo da evitare l’invio di militari. Una volta che i militari arrivano, le attività criminali più violente diminuiscono bruscamente, proprio perché la criminalità organizzata ha bisogno di aver certi spazi per tornare a fare profitti. Il questore Marino ha comunque precisato che non si può pensare che l’esercito possa essere utilizzato per risolvere il problema alla radice: «Nessuno veda i militari come la soluzione dei problemi di Napoli. È fuorviante. I militari sono una risorsa, poi c’è tutto il resto».

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.