Clementino (ANSA/ETTORE FERRARI)

Sanremo 2016: gli ascolti della quarta serata (venerdì 12)

In media è stata vista da più di 10 milioni di spettatori, col 47,81 per cento di share: un filo meglio della quarta puntata di Sanremo dell'anno scorso

Clementino (ANSA/ETTORE FERRARI)

La quarta serata del Festival di Sanremo 2016, andata in onda venerdì 12 febbraio, è stata vista alla tv da 10 milioni e 164.000 spettatori, ottenendo il 47,81 per cento di share. Questi dati, elaborati da Auditel, sono una media ponderata tra i dati delle due “parti” in cui è stata formalmente divisa la serata di Sanremo: in media 12.201.000 di spettatori hanno visto la prima parte, 46,05 per cento di share, mentre 6.418.000 di spettatori, 55,09 per cento di share, hanno visto la seconda parte. La quarta puntata di Sanremo 2016 è andata un filo meglio della quarta puntata dell’edizione dello scorso anno, la prima condotta da Carlo Conti, che era stata vista da 9.857.000 spettatori, col 47,82 per cento di share.

Nella serata di ieri è stato premiato il vincitore della sezione “nuove proposte” – il 33enne Francesco Gabbani – e si sono esibiti di nuovo gli artisti della gara principale, intervallati da esibizioni di comici fra cui Virginia Raffaele, Enrico Brignano e Rocco Papaleo. Gli ospiti più importanti della serata sono stati la cantautrice Elisa, il cantante colombiano J Balvin e il dj belga Lost Frequencies.

Negli ultimi dieci anni, la miglior quarta puntata in termini di spettatori è stata quella del 2013, condotta da Fabio Fazio e Luciana Littizzetto, con 11.538.000 spettatori; in termini di share, invece, la miglior quarta puntata di Sanremo degli ultimi anni è stata quella del 2010 – condotta da Antonella Clerici – con il 50,74 per cento (qui i dati storici, anno per anno, dal 1987).

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.