(Dan Kitwood/Getty Images)
  • Media
  • venerdì 12 febbraio 2016

L’Independent di carta non uscirà più

L'ultima edizione cartacea – che l'editore aveva provato a rilanciare – sarà distribuita il 26 marzo: da lì in poi resterà solo il sito

(Dan Kitwood/Getty Images)

Il quotidiano britannico The Independent, fondato nel 1986, da marzo smetterà di essere pubblicato su carta e avrà solo una versione online. Lo ha comunicato nel pomeriggio del 12 febbraio l’editore, il russo Evgeny Lebedev. Evgeny è figlio del banchiere e imprenditore russo Alexander Lebedev, che nel 2010 comprò l’Independent per la cifra simbolica di una sterlina, ne coprì i debiti e ne organizzò il rilancio (nel 2011 il giornale di carta fu per esempio completamente ridisegnato). L’ultima edizione cartacea dell’Independent uscirà il 26 marzo; il 20 marzo sarà diffusa l’ultima edizione dell’Independent on Sunday, la versione domenicale del giornale.

Un comunicato sul sito dell’Independent ha spiegato che la scelta è stata fatta per concentrarsi sulla versione digitale, che negli ultimi anni è andata sempre meglio (anche grazie a liste e contenuti “virali”, alla Buzzfeed). Il comunicato spiega che negli ultimi 12 mesi i lettori mensili del sito dell’Independent sono aumentati del 33,3 per cento e che ci si aspetta che i guadagni del sito aumentino di circa il 50 per cento durante il 2016.

Evgeny Lebedev ha detto che «l’industria dell’informazione sta cambiando e che questi cambiamenti sono guidati dai lettori. Ci stanno mostrando che il futuro è il digitale. La decisione salvaguarda il marchio dell’Independent e ci permette di continuare a investire in un contenuto editoriale di alta qualità che sta attirando sempre più lettori sulle nostre piattaforme». È stato anche comunicato che il sito, che ora si chiama i100.co.uk (dedicato ai “millennials”, i nati tra gli anni Ottanta e i primi anni Duemila) cambierà nome è diventerà indy100.com.

La scelta di concentrarsi solo sul digitale è dovuta – oltre che al successo del sito internet – anche alla diminuzione di lettori della versione cartacea. Davide Casati ha scritto sul Corriere della Sera che «le vendite delle copie fisiche del giornale sono scese verticalmente, negli ultimi anni: dopo aver toccato il proprio picco a quota 400 mila copie, attualmente l’Independent ne vende circa 40 mila (42 mila per l’edizione domenicale)». L’Independent ha anche comunicato di aver venduto all’editore Johnston Press la sua versione tabloid, più sintetica e meno cara: “i”.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.