• TV
  • mercoledì 27 gennaio 2016

La RAI ha licenziato il responsabile del conto alla rovescia anticipato di Capodanno

Il capostruttura Antonio Azzalini aveva anticipato volontariamente il conto alla rovescia su Raiuno

Gian Mattia D'Alberto / lapresse

La RAI ha licenziato il capostruttura Antonio Azzalini, ritenuto il responsabile dell’errore nel conto alla rovescia nella trasmissione del 31 dicembre “L’anno che verrà”, il programma che tradizionalmente la RAI manda in onda la sera dell’ultimo dell’anno. Durante la trasmissione il conto alla rovescia della mezzanotte era stato anticipato di almeno un minuto: la cosa era stata notata da moltissime persone, che lo avevano raccontato sui social network prima e dopo l’arrivo del 2016.

La RAI ha motivato il licenziamento di Azzalini, responsabile editoriale del programma, riportando nel comunicato ufficiale che “gli elementi emersi nel corso dell’istruttoria hanno confermato per l’accaduto la piena responsabilità del dirigente, la cui difesa si è basata su argomentazioni non veritiere”. Azzalini infatti anticipò il conto alla rovescia volontariamente, per avvantaggiarsi nei confronti della concorrenza; nei giorni successivi ha sempre sostenuto che anticipare il conto alla rovescia di Capodanno fosse una cosa comune. Monica Maggioni, presidente della RAI, ha commentato dicendo che la scelta di Azzalini è stata “autonoma e non condivisa da nessuno” ed ha rischiato di “mettere in discussione la credibilità del servizio”.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.