È arrivato il momento in cui si possono discutere liberamente gli spoiler di Star Wars?

Oscar Isaac, l'attore che interpreta il pilota Poe Dameron, dice di sì

L’attore americano Oscar Isaac è uno dei protagonisti di Star Wars: Il Risveglio della Forza, l’ultimo film della saga di Star Wars uscito nei cinema italiani lo scorso 16 dicembre. Nel film Isaac interpreta Poe Dameron, il miglior pilota della Resistenza (i buoni, praticamente), e ha un ruolo importante soprattutto nella prima e nell’ultima parte del film. Isaac ha vinto domenica sera il Golden Globe per il miglior attore di una serie tv, film tv o miniserie per la sua interpretazione di un sindaco di una città americana in Show me a Hero, miniserie di HBO trasmessa nell’estate del 2015.

Durante la conferenza stampa, un giornalista australiano ha chiesto a Isaac quando sarebbe arrivato il momento in cui sarebbe stato socialmente accettabile discutere del finale di Star Wars: Il Risveglio della Forza senza stare troppo attenti agli spoiler.

«Quando pensi che il mondo sarà pronto per parlare degli spoiler di Star Wars?»
«Non è già arrivato quel momento?»
«Certamente. Comincia tu, sennò io finisco in guai seri»
«Ah, ma intendi il prossimo?»
«No, quello di adesso, Il Risveglio della Forza»
«Qual è la domanda sugli spoiler?»
«Beh perché succedono delle cose a dei personaggi che non posso nominare senza che i nerd mi diano la caccia»
«Oh, man. Guarda: sono qui, vi do il mio numero così chiunque può chiamarmi se ha delle domande su queste cose. Ce ne occuperemo»

Quello della paura degli spoiler è un fenomeno diffusissimo – e considerato anche decisamente eccessivo, da qualcuno – e in occasione dell’ultimo Star Wars si è discusso molto su quando sarebbe stato accettabile discutere liberamente del finale del film, assumendo che tutti quelli interessati a non rovinarselo fossero già andati al cinema a vederlo.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.