• Mondo
  • sabato 2 gennaio 2016

Le foto del campo profughi di Bar Elias, in Libano, sotto la neve

Nel campo, a 900 metri sul livello del mare, vivono in tende o altri ripari di fortuna circa 150mila profughi siriani, costretti ora ad avere a che fare con neve e temperature rigide

Nella notte tra venerdì e sabato ha nevicato sopra il gigantesco campo profughi di Bar Elias, nella valle della Bekaa, in Libano. Il campo ospita 150mila persone in tende e altre strutture di fortuna e si trova a 900 metri di altezza, dove d’inverno le temperature possono diventare molto basse. Sulle agenzie fotografiche sono comparse alcune foto scattate a Bar Elias il 2 gennaio: mostrano diverse persone un po’ stupite e in difficoltà davanti alla neve. Anche l’anno scorso gli abitanti del campo di Bar Elias avevano avuto a che fare con gravi nevicate.

Negli ultimi anni circa 1,2 milioni di siriani, sui quattro che hanno lasciato il paese, sono arrivati in Libano, un paese di 4,5 milioni di abitanti, con un governo diviso e in grave difficoltà nel prestare aiuto ai rifugiati. Sono invece circa 200mila i siriani arrivati finora in Europa, e nelle ultime settimane diverse ONG hanno fatto notare che il tragitto dei richiedenti asilo che si muoveranno in questi mesi sarà ancora più difficoltoso dalle condizioni meteo piuttosto rigide.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di più, e migliori.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la newsletter, una quota minore di inserzioni pubblicitarie, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.