Grand Place, Bruxelles, Belgio, novembre 2015 (Ben Pruchnie/Getty Images)
  • Mondo
  • martedì 29 dicembre 2015

Gli arresti per terrorismo a Bruxelles

La polizia belga ha arrestato due persone sospettate di pianificare attentati terroristici a Capodanno

Grand Place, Bruxelles, Belgio, novembre 2015 (Ben Pruchnie/Getty Images)

La polizia belga ha arrestato due persone sospettate di pianificare attentati terroristici a Bruxelles tra il 31 dicembre 2015 e il 1 gennaio 2016. La notizia è stata data dal procuratore federale del paese, che ha parlato di una serie di operazioni di polizia condotte tra il 27 e il 28 dicembre a Bruxelles e a Liegi e che hanno rilevato «gravi minacce» a «diversi luoghi simbolici» della capitale belga.

I due arrestati sono sospettati di minacce terroristiche, partecipazione alle attività di un gruppo terroristico e reclutamento. In totale, durante le operazioni, sono state arrestate sei persone, ma quattro sono state rilasciate. Nelle case delle persone fermate la polizia ha trovato abbigliamento militare e documenti di propaganda dello Stato Islamico, ma nessuna arma o esplosivo. Per il momento la procura di Bruxelles non ha voluto fornire altri dettagli. Per ora non si parla di legami con gli attentati di Parigi e Saint-Denis dello scorso 13 novembre, ma diversi giornali e televisioni locali dicono che gli attacchi programmati erano contro la polizia e, in particolare, gli uffici della polizia nei pressi della Grand Place a Bruxelles. Lunedì sera il livello di allerta è stato alzato da 2 a 3 e così resterà almeno fino alla prossima settimana; saranno aumentati i controlli nelle zone dei commissariati e ci saranno delle modifiche anche negli orari di apertura.

Per quel che se ne sa adesso, gli arresti non hanno niente a che fare – come invece diversi giornali hanno inizialmente ipotizzato – con un inseguimento avvenuto nel tardo pomeriggio di lunedì nel centro di Bruxelles, nella zona commerciale di Ixelles. Due persone sono state fermate dalla polizia su una macchina con targa francese per un controllo, ma hanno cercato di scappare prendendo contromano il tunnel di Avenue Louise e restando poi bloccati dalla barriera che separa le due corsie di marcia. C’è stata anche una sparatoria ma non ci sono feriti.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.