• Cultura
  • martedì 22 dicembre 2015

La migliore versione dei primi Star Wars

È quella senza le criticate correzioni aggiunte negli anni: per metterla insieme è servito un lavoro mostruoso, ma è illegale e difficile da trovare

A causa dell’uscita nei cinema del nuovo film di Star Wars Il risveglio della Forza, sta tornando a circolare online un’edizione molto particolare dei primi tre film della saga: è considerata da alcuni “la migliore edizione esistente”, ma di fatto è illegale. L’edizione è nota col nome di “Despecialized Edition” ed è quella che più si avvicina alla versione originale dei tre film proiettati al cinema nel 1977, nel 1980 e nel 1983, ma che sono ormai introvabili. La “Despecialized Edition” è stata assemblata da un appassionato della saga, Petr Harmáček, mettendo insieme i pezzi migliori provenienti da varie edizioni uscite negli anni, così da produrre una versione più vicina possibile all’originale. Lucasfilm, la società che possiede i diritti di immagine della saga, considera tuttavia ufficiale solamente l’ultima edizione di quei film uscita sul mercato, e cioè quella diffusa in Blu-ray nel 2011: come ha fatto notare Matt Yglesias su Vox, in questo caso guardare una versione del film creata per somigliare il più possibile al prodotto originale comporta paradossalmente una violazione del copyright e quindi di fatto «un reato».

Chiunque si metta a guardare l’edizione in Blu-ray dei primi 3 film di Star Wars si trova davanti a sé dei film molto diversi da quelli che furono proiettati nei cinema fra il 1977 e il 1983. Nel corso degli anni i primi tre film di Star Wars hanno subito moltissime modifiche e riedizioni, e sono usciti in formati molto diversi fra loro tra cui VHS, DVD o Laser Disc. Ma a differenza di altri film che negli anni sono stati restaurati in occasione dell’uscita in Blu-ray, i primi tre film di Star Wars non sono stati solamente “ripuliti”: rispetto all’edizione originale diverse scene sono state tagliate, altre modificate pesantemente con la computer grafica oppure accorciate. Le modifiche più pesanti sono state introdotte nell’edizione rimasterizzata del 1997 in VHS e altri formati, nell’edizione del 2004 per DVD e del 2011 per Blu-ray.

Gli appassionati della saga si lamentano spesso che la maggior parte dei cambiamenti pesanti effettuati sui film – che cioè non siano semplici aggiustamenti al colore e alla luminosità di alcune scene – li abbiano “rovinati”, a causa dell’introduzione di scene non necessarie e della sgradevole alternanza fra effetti speciali “artigianali” e nuovi effetti creati in computer grafica. Queste modifiche, soprattutto quelle del 1997, sono state sempre difese da George Lucas.

Uno degli esempi più famosi di scene introdotte nelle edizioni recenti si trova nei primi minuti di Una nuova speranza, il primissimo film: nel 1977 Luke Skywalker e Obi-Wan Kenobi entrano nella città desertica di Mos Eisley su una specie di piccola navicella sospesa, attraversando una strada trafficata da veicoli palesemente finti e gruppi di persone non identificate. Nella versione in Blu-Ray del 2011 in sostituzione delle vecchie scene sono state introdotte goffe scenette con robot mostriciattoli evidentemente creati al computer, oltre a una visuale aerea altrettanto artificiosa della città. La differenza è visibile nel video qui sotto a partire dal minuto 5:40 circa (lo stesso utente YouTube ha raccolto in una serie di video tutte le modifiche effettuate nel tempo ai primi tre film).

Un’altra delle modifiche più criticate dai fan è stata introdotta nell’edizione del 2004 per DVD di Una nuova speranza. In una scena in un bar di Mos Eisley, il contrabbandiere Han Solo – uno dei coprotagonisti del film – spara e uccide un cacciatore di taglie che stava per catturarlo. A partire dal 2004, però, la scena è stata leggermente modificata per far sembrare che sia il cacciatore di taglie a sparare per primo, di conseguenza legittimando Han Solo – che nel frattempo era diventato uno dei personaggi più popolari del film nel fronte dei “buoni” – a reagire e uccidere.

Fino a pochi anni fa non era possibile vedere una versione dei primi tre film di Star Wars che fosse fedele a quelle originali e quindi senza ritocchi successivi, a meno di arrendersi a versioni di qualità molto bassa presenti su videocassetta o filmati amatoriali di una vecchia pellicola proiettata. A rimediare ci ha pensato Harmáček, che assieme ad altre persone ha lavorato per anni per produrre la “Despecialized edition”: Harmáček ha fatto sapere di avere utilizzato nove fonti diverse per la sua edizione di Una nuova speranza, fra cui anche alcune scansioni di pellicola e otto fonti audio. L’ultima versione della “Despecialized Edition”, la 2.5, è uscita nel 2013.

Per illustrare i principali cambiamenti della “Despecialized Edition”, Harmáček ha pubblicato un video su YouTube in cui confronta alcuni fotogrammi delle versioni più diffuse – fra cui quella in DVD del 2004 e quella in Blu-ray – con quelli presenti nella sua edizione: Harmáček mostra di avere aggiustato moltissime cose fra cui i colori di alcune scene – che sono sballati persino in alcune parti dell’edizione in Blu-ray – e di avere mantenuto il logo originale della Lucasfilm mostrato a inizio film, molto più essenziale di quello utilizzato oggi. La “Despecialized Edition” non è riconosciuta da Lucasfilm ed è di fatto una violazione del copyright su Star Wars: non è in vendita, ma la si può trovare sui siti di torrent.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.