Natale alla Casa Bianca – foto

Michelle Obama ha presentato le tradizionali decorazioni per le feste, quest'anno più sfarzose del solito

Una riproduzione della Casa Bianca in marzapane e cioccolato nella sala destinata alle cene di stato, 2 dicembre 2015. (Mark Wilson/Getty Images)

Come ogni anno Michelle Obama, moglie del presidente statunitense Barack Obama, ha invitato alla Casa Bianca i figli di alcune famiglie di soldati americani per presentare gli addobbi che la decoreranno per le feste di Natale e Capodanno. A Timeless Tradition è il tema delle decorazioni di quest’anno, che sono particolarmente scintillanti e sfarzose. In tutto ci sono 62 alberi di Natale (il record precedente era dei Clinton, con 36), una riproduzione della Casa Bianca in panpepato e cioccolato del peso di 200 chili, statue giganti di Schiaccianoci e orsetti, 56 finti pupazzi di neve nel Giardino della First Lady – ognuno ispirato a uno stato americano – e un totale di 70 mila gingilli.

Casa Bianca

L’albero di Natale ufficiale, che si trova nella Stanza Blu della Casa Bianca, è un abete di oltre cinque metri, con decorazioni bianche, rosse e blu e avvolto da un nastro ricoperto di messaggi di ringraziamento ai soldati e alle loro famiglie.

Tre stanze in particolare sono state decorate da stilisti scelti da Michelle Obama. Nella stanza Vermiglia, lo stilista nigeriano Duro Olowu ha preparato un albero fatto di conchiglie e orsacchiotti in patchwork vintage.

Casa Bianca

Gli addobbi della biblioteca, scelti da Kenzo in collaborazione con Carol Lim e Humberto Leon di Opening Ceremony, sono ispirati al tema della conoscenza, con libri infiocchettati sui tavolini e sotto gli alberi di Natale dove, al posto di punte e stelle comete, ci sono libri.

Casa Bianca

Infine Carolina Herrera ha scelto come tema della stanza delle porcellane i tessuti in plaid, che ricoprono i tavoli e si ritrovano nei pacchetti.

Casa Bianca

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.