Un negozio di Roger Vivier a Parigi (Pascal Le Segretain/Getty Images)
  • Moda
  • giovedì 26 Novembre 2015

Tod’s ha comprato Roger Vivier, l’azienda che inventò lo stiletto

Perché è un marchio storico con una tradizione importante: ha disegnato scarpe per la regina Elisabetta e Catherine Deneuve

di Enrico Matzeu – @enricomatzeu
Un negozio di Roger Vivier a Parigi (Pascal Le Segretain/Getty Images)

Questa settimana l’azienda di calzature e abbigliamento Tod’s, guidata dai fratelli Diego e Andrea Della Valle, ha acquistato per 415 milioni di euro il marchio di scarpe fondato dallo stilista francese Roger Vivier (1907-1998), che porta il suo nome. L’azienda era già di proprietà dei Della Valle, che la controllavano indirettamente tramite la loro società Gousson e che ora possono gestirla direttamente. La stessa Tod’s ha spiegato che in questo modo potrà rivolgersi a una «clientela sofisticata» e «avere piena governabilità» sulle strategie del marchio.

Tod’s è uno dei pochi gruppi del lusso italiani (comunque non paragonabile per grandezza a quelli francesi, come LHMV) ed è specializzato in calzature, pelletteria e accessori. Oltre al marchio Tod’s controlla e produce anche Hogan e, appunto, Roger Vivier; nell’abbigliamento invece possiede Fay, che vende soprattutto piumini e capi dallo stile molto classico, e Elsa Schiaparelli, una linea storica fondata nel 1935 dalla stilista italiana da cui prende il nome, che Della Valle ha acquistato e rilanciato nel 2007. Tod’s fu fondata da Filippo Della Valle, nonno dell’attuale presidente e amministratore delegato Diego Della Valle, nei primi del Novecento a Sant’Elpidio a Mare, un piccolo paese nelle Marche in provincia di Fermo; con gli anni si è ingrandita e oggi possiede nove stabilimenti dove produce scarpe e vestiti. Nel 2014 il fatturato di Tod’s è stato di 965,6 milioni di euro.

Diego Della Valle acquisì Roger Vivier tramite Gousson nel 2003; nominò come direttore artistico lo stilista di scarpe Bruno Frisoni e come testimonial la modella francese Inès de la Fressange, a lungo scelta da Karl Lagerfeld come volto di Chanel. Gli affari di Roger Vivier stanno andando bene: nel terzo trimestre di quest’anno ha fatturato 112 milioni di euro, ovvero il 14 per cento dei ricavi totali del gruppo Tod’s.

Nel mondo della moda Roger Vivier è considerato uno dei marchi più prestigiosi, soprattutto per le scarpe molto eleganti disegnate dal suo fondatore, fatte di tessuti e materiali pregiati, e per aver inventato nel 1954 lo stiletto, ovvero il tacco a spillo: sottilissimo, contrariamente a quelli più grossi utilizzati dalle donne fino a quel momento. Tra gli anni Cinquanta e gli anni Sessanta Vivier collaborò con Christian Dior, disegnando le scarpe che abbinava poi ai vestiti. Era così famoso che la regina Elisabetta II indossò un paio di scarpe che Vivier aveva disegnato appositamente per lei, il giorno dell’incoronazione. Le scarpe più conosciute di Vivier, però, sono le Pilgrim pumps: décolleté basse con il tacco squadrato e una fibbia rettangolare sulla punta, indossate da Catherine Deneuve nel film Bella di giorno (Belle de Jour) di Luis Buñel.

Alcune scarpe di Roger Vivier in mostra l’anno scorso al Museo della Pelle di Offenbach, in Germania:

Il Financial Times spiega che la vendita di Roger Vivier a Tod’s era stata annunciata da tempo ed è avvenuta in un momento in cui il mercato globale del lusso è un po’ in difficoltà a causa della crisi globale e della contrazione del mercato cinese. Anche Tod’s ha diminuito le vendite del 5 per cento nel terzo trimestre di quest’anno e il Financial Times scrive che Diego Della Valle potrebbe – come hanno fatto i marchi italiani Bulgari e Loro Piana – vendere le sue aziende al colosso del lusso francese LVMH, che controlla già il 3,5 per cento di Tod’s. Della Valle ha detto di non avere intenzione di cedere l’azienda di cui è socio di maggioranza; molti analisti sono convinti comunque che Bernard Arnault, capo di LVMH, acquisirà in futuro nuove quote di Tod’s.