Roberto Monaldo / LaPresse
  • Media
  • mercoledì 25 Novembre 2015

Mario Calabresi è il nuovo direttore di Repubblica

Sostituirà Ezio Mauro da gennaio lasciando la direzione della Stampa: lo ha annunciato lui stesso su Twitter

Roberto Monaldo / LaPresse

Mario Calabresi, giornalista e direttore della Stampa, sarà il prossimo direttore di Repubblica: dal prossimo 14 gennaio prenderà il posto di Ezio Mauro, che ha diretto il giornale dal 1996 e che ha annunciato oggi durante una riunione di redazione l’intenzione di lasciare la direzione. La notizia delle dimissioni di Mauro era stata data in mattinata dal Foglio online, Il Post l’aveva successivamente confermata dopo aver parlato con persone all’interno della redazione di Repubblica. Nel pomeriggio di mercoledì lo stesso Calabresi ha annunciato il suo prossimo ruolo, su Twitter.

Il CdA del gruppo Espresso ha poi diffuso una nota ufficiale:

Una newsletter sul dannato futuro dei giornali

Gruppo Espresso informa che Ezio Mauro, Direttore di Repubblica, ha maturato la decisione di lasciare la direzione del giornale, dopo averlo guidato con successo per vent’anni. Resterà in carica fino al prossimo 14 gennaio, data del quarantesimo anniversario della testata, per poi proseguire il suo prezioso lavoro giornalistico nel Gruppo.
Il Consiglio di amministrazione, riunitosi in data odierna, gli ha espresso profonda gratitudine per aver saputo garantire al giornale, in questo lungo e difficile periodo, un ruolo di primo piano nel panorama della stampa italiana e internazionale per indipendenza, autorevolezza e innovazione.
Il Consiglio di amministrazione ha designato all’unanimità, quale nuovo Direttore con decorrenza 15 gennaio 2016, Mario Calabresi, attuale Direttore della Stampa, figura di primo piano del nostro giornalismo, cresciuto all’interno di Repubblica, ove ha ricoperto i ruoli di caporedattore centrale e di corrispondente da New York.
Il Consiglio di amministrazione ha formulato a Mario Calabresi i migliori auguri di buon lavoro.

Mario Calabresi ha 45 anni e dall’aprile del 2009 è direttore della Stampa. In precedenza era stato cronista parlamentare per ANSA e, dal 1999, ha fatto parte della redazione politica di Repubblica. Dal 2000 al 2002 ha lavorato per La Stampa, raccontando tra le altre cose gli attentati dell’11 settembre e le loro conseguenze. È in seguito tornato a Repubblica, dove ha fatto il corrispondente da New York e ha seguito le elezioni presidenziali del 2008. Nel 2009 è stato nominato direttore della Stampa, prendendo il posto che per i precedenti quattro anni era stato di Giulio Anselmi, attuale presidente di ANSA. Mario Calabresi è figlio del commissario Luigi Calabresi, ucciso nel 1972 in un attentato terroristico.

Ezio Mauro ha 67 anni ed è il direttore di Repubblica dal 1996. Questa mattina durante la riunione di redazione ha parlato della sua decisione di lasciare il suo posto proprio in relazione al lungo periodo trascorso alla direzione del quotidiano. Il 14 gennaio del 2016, giorno scelto per il cambio di direttore, sarà il quarantesimo anniversario dell’uscita di Repubblica, che andò in edicola per la prima volta il 14 gennaio del 1976. Mauro è il secondo direttore di Repubblica; il primo è stato Eugenio Scalfari e anche lui diresse il giornale per circa vent’anni. Mauro ha lavorato per Repubblica dal 1988 al 1990 come corrispondente da Mosca. Dal 1981 fino a quell’anno aveva invece lavorato per La Stampa, giornale di cui è anche stato direttore tra il 1992 e il 1996.