Le copertine dei due libri
  • Cultura
  • giovedì 12 novembre 2015

Che differenza c’è tra i due libri sul Vaticano

Affinità e divergenze tra "Via Crucis" di Gianluigi Nuzzi e "Avarizia" di Emiliano Fittipaldi, dei quali i giornali parlano da due settimane

Le copertine dei due libri

Via Crucis di Gianluigi Nuzzi, pubblicato da Chiarelettere, e Avarizia di Emiliano Fittipaldi, pubblicato da Feltrinelli, sono usciti lo stesso giorno – il 5 novembre –, parlano della stessa cosa – scandali vaticani – e stanno vendendo molto, anche se Nuzzi è ancora in lieve vantaggio, ma ha avuto una prima tiratura molto più alta, mentre Feltrinelli inizialmente non si aspettava questi risultati. Anche gli scandali che i due libri raccontano si devono, in gran parte, alla stessa fonte: i documenti stilati dalla Cosea, la Commissione referente sulle attività economiche vaticane istituita da papa Bergoglio il 18 luglio 2013 e sciolta il 22 maggio 2014, a fine mandato. Della commissione facevano parte 8 membri tra cui monsignor Lucio Angel Vallejo Balda, in qualità di segretario, e Francesca Immacolata Chaouqui, che sono le due persone arrestate dalla Gendameria vaticana lo scorso 2 novembre con l’accusa, appunto, di avere diffuso documenti riservati. Il clamore suscitato dai due arresti è sicuramente stato un moltiplicatore per il lancio dei libri. Da mercoledì 11 novembre anche Nuzzi e Fittipaldi sono indagati in Vaticano per la fuga di notizie e documenti riservati.

Avarizia e Via Crucis sono, dunque, molto simili ed è facile confonderli. La prima differenza, da cui ne deriva più una grande, di pubblico, è rappresentata dai due autori: Gianluigi Nuzzi lavora a Libero e conduce Quartogrado su Rete4, quindi si rivolge a un pubblico politicamente orientato a destra; Emiliano Fittipaldi, invece, lavora all’Espresso, che fa parte del Gruppo della Repubblica, e quindi ha lettori più di sinistra. Insieme, i due libri raggiungono tutti quelli che in Italia, indipendentemente dal loro orientamento politico, sono interessati al tema degli scandali della Chiesa. Un’altra differenza, che ha conseguenze sul modo di promuovere i libri, è che Nuzzi è molto conosciuto: Via Crucis è il suo quinto libro, il quarto sul Vaticano. Fittipaldi, invece, non è un giornalista famoso: Avarizia è il suo secondo libro, e il primo – Così ci uccidono, Rizzoli, 2011 – parlava di scandali ambientali (Fittipaldi ha anche cofirmato un libro insieme a Dario Di Vico del Corriere della sera).

Sul piano dei contenuti, le differenze sono più di forma che di sostanza: il libro di Nuzzi ha uno stile più analitico e dichiara esplicitamente di non basarsi solo su documenti inediti, ma di avere l’ambizione di spiegare il rapporto tra Chiesa e soldi, e le pratiche vaticane nel gestire il potere e le finanze; mentre quello di Fittipaldi – a parte un prologo molto narrativo, quasi alla Dan Brown – è un’inchiesta pura che dichiara di basarsi interamente su documenti e infatti contiene molte pagine di documenti fotografati. La differenza di notorietà si riflette sulle fascette, entrambe piuttosto piene di parole, che adottano toni scandalistici, ma di intensità diversa. Quella di Chiarelettere è giallina con la foto dell’autore perché punta sui successi precedenti e sulla fama di Nuzzi: «Dopo i bestseller internazionali Vaticano S.p.A. e Sua Santità la nuova sconvolgente inchiesta di Gianluigi Nuzzi». Quella di Feltrinelli è rossa e dice: «Il libro che fa tremare il Vaticano. 5 edizioni in 3 giorni». (È appena da notare che il numero di tirature, diminuendo i costi di stampa, non è più un indicatore del tutto attendibile del numero di copie messe in commercio).

Anche le copertine hanno una differenza di sobrietà: quella di Nuzzi, come tutte quelle di Chiarelettere, non ha immagini, mentre quella di Avarizia è la foto di un cardinale con le mani intrecciate dietro la schiena e un braccialetto d’oro tempestato di gemme che sbuca da sotto la tonaca.

nuzzi-fittipaldi

Sono apparentemente simili, ma in realtà di significato opposto titoli e sottotitoli. Via crucis rimanda alla sofferenza di qualcuno, forse di Cristo, ma forse anche del papa, e infatti il sottotitolo dice: «Da registrazioni e documenti inediti la difficile lotta di Papa Francesco per cambiare la Chiesa». Avarizia, invece, è un’accusa, e il sottotitolo è coerente: «Le carte che svelano ricchezza, scandali e segreti della chiesa di Francesco», è il sottotitolo di Fittipaldi. La differenza, non lieve, è che Nuzzi riconosce al papa di lottare per cambiare le cose, mentre Fittipaldi dice esplicitamente che la chiesa corrotta è quella di Francesco, benché i documenti citati si debbano a una Commissione istituita proprio dal papa per capire che situazione ereditava. I prezzi sono simili, 18 euro per Nuzzi e 14 per Fittipaldi, ma variano anche numero di pagine e peso. Via Crucis di Nuzzi ha 321 pagine e pesa – secondo Amazon – 381 grammi (cioè costa 4 centesimi al grammo). Avarizia di Fittipaldi di pagine ne ha 224 e pesa 358 grammi (quindi poco meno di 4 centesimi al grammo – ma è di carta migliore).

Domenica 8 novembre, all’Angelus, Bergoglio ha parlato indirettamente dello scandalo. Queste sono state le sue parole: «So che molti di voi sono stati turbati dalle notizie circolate nei giorni scorsi a proposito di documenti riservati della Santa Sede che sono stati sottratti e pubblicati. Per questo vorrei dirvi anzitutto che rubare quei documenti è un reato. È un atto deplorevole che non aiuta. Io stesso avevo chiesto di fare quello studio, e quei documenti io e i miei collaboratori già li conoscevamo bene, e sono state prese delle misure che hanno incominciato a dare dei frutti, anche alcuni visibili. Perciò voglio assicurarvi che questo triste fatto non mi distoglie certamente dal lavoro di riforma che stiamo portando avanti con i miei collaboratori e con il sostegno di tutti voi. Quindi vi ringrazio e vi chiedo di continuare a pregare per il Papa e per la Chiesa, senza lasciarvi turbare ma andando avanti con fiducia e speranza».

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.