• Cultura
  • mercoledì 11 novembre 2015

L’Italia vista da Henri Cartier-Bresson (e gli altri)

Come i grandi fotografi internazionali hanno raccontato l'Italia degli ultimi ottant’anni, nei lavori in mostra a Milano

Dall’11 novembre al 7 febbraio 2016 il Palazzo della Ragione Fotografia, a Milano, ospita la mostra Henri Cartier-Bresson e gli altri – I Grandi fotografi e l’Italia: è la seconda tappa di un evento espositivo iniziato con Italia Inside Out che racconta come i grandi fotografi internazionali hanno visto e raccontato l’Italia in un arco di tempo di quasi ottant’anni.

La mostra, curata da Giovanna Calvenzi, raccoglie oltre 200 immagini divise in sette ampie aree tematiche, all’interno delle quali si sviluppa una storia della fotografia e dell’evoluzione dei suoi linguaggi: si parte con Henri Cartier-Bresson e il suo viaggio in Italia – durato oltre trent’anni – per proseguire con il reportage di Robert Capa al seguito delle truppe americane durante la Campagna d’Italia del 1943, con il racconto di Sebastião Salgado degli ultimi pescatori di tonni in Sicilia e con le foto notturne di Roma scattate da Helmut Newton. Poi ancora, tra gli altri, i lavori di David Seymour, Cuchi White, Herbert List, William Klein, Claude Nori, Joel Meyerowitz, Steve McCurry, Martin Parr, Alexey Titarenko, Abelardo Morell, Gregory Crewdson, Nobuyoshi Araki, Paul Strand e Irene Kung. La mostra è promossa e prodotta dal comune di Milano e Palazzo della Ragione con Civita, Contrasto e GAmm Giunti.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.