(Mike Hewitt/Getty Images)
  • Sport
  • domenica 1 Novembre 2015

Sonny Bill Williams, una medaglia d’oro e un bambino agitato

Il giocatore della nazionale neozelandese di rugby ha regalato la sua medaglia d'oro appena vinta ai Mondiali a un ragazzo che aveva tentato una innocente invasione di campo

(Mike Hewitt/Getty Images)

Sonny Bill Williams, centro della nazionale neozelandese di rugby, è stato uno dei migliori giocatori della Coppa del Mondo appena conclusa, e vinta dalla Nuova Zelanda. Williams ha fatto parlare di sé anche dopo la finale vinta ieri contro l’Australia. Durante il giro di campo compiuto dalla nazionale neozelandese alla fine della gara, un ragazzo di sette anni, Charlie Lines, ha tentato una innocente “invasione di campo”: una guardia l’ha fermato, buttandolo a terra. Williams ha visto, si è fermato a parlare con il ragazzo e gli ha regalato la sua medaglia d’oro, vinta pochi minuti prima. «Magari così avrà un bel ricordo di questa finale», ha detto Williams.

Sonny Bill Williams pesa più di cento chili, è alto un metro e 91 centimetri. Di Williams si parlò alcuni anni fa quando si convertì all’Islam e si è parlato in questo Mondiale dopo che al termine di Nuova Zelanda-Sudafrica è andato a consolare Jesse Kriel, avversario sconfitto e piuttosto deluso.