(AP Photo/Sinan Hussain)
  • Mondo
  • sabato 24 ottobre 2015

Il vicepresidente delle Maldive è stato arrestato

È accusato di aver partecipato a un attentato contro il presidente in carica, per ragioni ancora poco chiare

(AP Photo/Sinan Hussain)

Il vicepresidente delle Maldive, Ahmed Adeeb, è stato arrestato sabato con l’accusa di aver partecipato all’organizzazione di un attentato contro il presidente del paese, Yameen Abdul Gayoom. Lo scorso 28 settembre, Gayoom stava tornando da un pellegrinaggio in Arabia Saudita quando una bomba è esplosa a bordo della sua imbarcazione. La bomba era stata posizionata sotto il sedile dove solitamente si siede Gayoom: la polizia ha detto che il presidente è rimasto illeso solo perché non si è seduto al suo solito posto. Diverse persone, tra cui sua moglie, sono comunque rimaste ferite.

Subito dopo l’esplosione in molti hanno ipotizzato che il vicepresidente Adeeb potesse essere coinvolto nell’attacco, anche se lui ha sempre negato. Secondo la legge delle Maldive, il vicepresidente subentra automaticamente al presidente in caso di morte di quest’ultimo. Adeeb è stato arrestato sabato al ritorno da un viaggio all’estero e si trova al momento in prigione. Altre tre persone sono state arrestate, tra cui una guardia del corpo di Adeeb e un artificiere della polizia. Non sono ancora chiari i motivi del presunto attacco di Abeed contro Gayoom: Abeed era considerato un fedele alleato di Gayoom ed è diventato vicepresidente delle Maldive a luglio, all’età di 33 anni. Gayoom si spese molto anche per scaricare il precedente vicepresidente, Mohamed Jameel, e affidare così ad Abeed l’incarico.

Dopo l’arresto di Abeed, polizia e militari si sono schierati per le strade di alcune città delle Maldive per evitare disordini. Sono oramai diversi anni che le Maldive si trovano in una situazione politicamente piuttosto tesa, con colpi di stato, elezioni annullate e arresti di importanti personalità politiche. L’ultimo è avvenuto lo scorso febbraio quando la polizia ha arrestato Mohamed Nasheed, leader dell’opposizione e presidente del paese dal 2008 al 2012.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.