Due uomini coprono con assi di legno le vetrine di un negozio a Puerto Vallarta, in Messico. (AP Photo/Cesar Rodriguez)
  • Mondo
  • venerdì 23 Ottobre 2015

L’uragano Patricia sta per arrivare in Messico

È di categoria 5, la più alta per i cicloni tropicali, e ha un'intensità mai registrata prima per nessun altro uragano: i meteorologi lo hanno definito "potenzialmente catastrofico"

Due uomini coprono con assi di legno le vetrine di un negozio a Puerto Vallarta, in Messico. (AP Photo/Cesar Rodriguez)

Venerdì l’uragano Patricia, che si sta avvicinando alla costa centrale del Messico dalla parte dell’Oceano Pacifico, è stato classificato come tempesta di categoria 5, la più alta della scala Saffir-Simpson, usata per quantificare l’intensità dei cicloni tropicali. Il governo federale ha già dichiarato lo stato di emergenza per 56 municipalità negli stati messicani di Colima, Nayarit e Jalisco e ha diffuso l’hashtag #PrevenirEsVivir (prevenire è vivere) per ricordare ai cittadini coinvolti nell’emergenza di adottare tutte le misure di sicurezza previste in caso di cicloni tropicali. Il National Hurricane Center (NHC) – un’agenzia governativa statunitense che si occupa tra le altre cose di valutare la forza e pericolosità degli uragani – ha detto che l’uragano Patricia è “estremamente pericoloso e potenzialmente catastrofico”.

A Manzanillo, uno dei porti principali del Messico e capoluogo dello stato di Colima, ha già cominciato a piovere molto forte. Le scuole di tutto lo stato di Colima oggi saranno chiuse e le città che potrebbero essere colpite dall’uragano Patricia si stanno dotando di sacchi di sabbia per limitare i danni di eventuali alluvioni e allagamenti. Gabriel Lopez, un impiegato dell’hotel Las Hadas a Manzanillo, ha detto ad Associated Press: «Non sappiamo quale direzione prenderà la tempesta, ma sembra che stia venendo qui… Se ci sarà un’emergenza ci prenderemo cura delle persone. Ci sono stanze che non sono esposte al vento». Intanto i proprietari di molti negozi delle città che verranno colpite dall’uragano stanno cercando di prevenire danni gravi, per esempio coprendo le vetrine con delle assi di legno e mettendo negli scatoloni la merce in vendita. Gli abitanti di altre cittadine – soprattutto sulla costa – hanno già lasciato le loro case.

Ieri sera l’uragano Patricia era a circa 320 chilometri a sudovest di Manzanillo e si stava muovendo verso nord-ovest a circa 20 chilometri all’ora. L’account twitter del canale americano Weather Channel ha scritto venerdì mattina che Patricia ha raggiunto un’intensità mai registrata prima per nessun altro uragano, con venti a 320 chilometri orari. I meteorologi credono che potrebbe arrivare nel tratto di costa compreso tra Manzanillo e Puerto Vallarta, lungo circa 270 chilometri, tra venerdì sera e venerdì notte italiani (a Manzanillo sono 7 ore indietro rispetto all’Italia). L’NHC ha previsto che nelle prossime ore potrebbero cadere in diverse città sulla costa pacifica del Messico centrale tra i 15 e i 30 centimetri di pioggia, un valore molto elevato. L’NHC ha anche detto che dopo essere passato dal Messico, l’uragano Patricia potrebbe provocare forti piogge anche in Texas, dove arriverebbe comunque molto indebolito.