Clienti seduti ai tavoli di uno Starbucks Coffee a New York, nel maggio del 2015. (AP Photo/Mark Lennihan)
  • Italia
  • giovedì 15 ottobre 2015

Ci sono altre voci di un’apertura di Starbucks in Italia

Se ne parla da vent'anni e con continue smentite, ma stavolta le rilancia il Corriere con un po' di dettagli in più sulle trattative in corso

Clienti seduti ai tavoli di uno Starbucks Coffee a New York, nel maggio del 2015. (AP Photo/Mark Lennihan)

Da anni si parla di un’imminente apertura italiana di Starbucks, una delle più grandi e famose catene di caffetterie al mondo, ma ogni volta le notizie venivano smentite – dall’azienda o banalmente dai fatti – e l’arrivo rimandato. Il Corriere della Sera scrive però che adesso si sta muovendo qualcosa di concreto e che entro Natale saranno firmati gli accordi tra Howard Schultz, il fondatore dell’azienda statunitense, e Antonio Percassi, l’imprenditore famoso per aver aperto i primi negozi Benetton e che dovrebbe occuparsi di organizzare l’arrivo di Starbucks in Italia. La prima caffetteria del marchio dovrebbe essere aperta a Milano, scrive sempre il Corriere, nel 2016.

«Gli accordi dovrebbero essere firmati entro Natale. E il Frappuccino a marchio Starbucks potrebbe già essere servito al banco nel corso del 2016. Sono circa vent’ anni che Howard Schultz, fondatore e guida della più grande catena di caffetterie americana cerca di capire quale sia il modo giusto per vendere in Italia, patria del caffè, la miscela in versione yankee. Per di più a un prezzo quasi tre volte superiore alla tazzina nostrana. Adesso però si starebbe profilando la soluzione.

Da circa un anno la squadra di manager di Seattle, sede del gruppo che fattura circa 9 miliardi di dollari, ha aperto una trattativa con chi in Italia il retail lo conosce davvero. Si tratta di Antonio Percassi, 62 anni, natali a Clusone in provincia di Bergamo, ex calciatore del Cesena e dell’Atalanta di Bergamo, di cui ora è proprietario, ma soprattutto, guru dei centri commerciali. Come dire, colui che vanta nel curriculum l’espansione commerciale dei Benetton nonché quella del suo concorrente più acerrimo, la spagnolo Zara. L’imprenditore che quest’anno ha anche aperto la strada ai negozi di lingerie Victoria’s Secret. Adesso sarebbe la volta di Starbucks, il mito del caffè americano che si beve per strada ed è servito in un bicchiere di carta.

(Continua a leggere su Corriere.it)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.