La sfilata di Dries Van Noten, il 30 settembre 2015 (AP Photo/Zacharie Scheurer)
  • Moda
  • giovedì 8 ottobre 2015

Le foto della settimana a Parigi

È finita la settimana della moda, e anche il mese delle sfilate: una raccolta per ricapitolare

La sfilata di Dries Van Noten, il 30 settembre 2015 (AP Photo/Zacharie Scheurer)

Si è chiusa mercoledì 7 ottobre la settimana della moda di Parigi, e con lei anche il mese dedicato alle sfilate, inaugurato lo scorso 9 settembre a New York e proseguito nel mezzo con Londra e Milano.
In questi giorni a Parigi hanno continuato a sfilare sulle passerelle le collezioni primavera/estate 2016 della moda donna, con protagoniste alcune delle case di moda più grandi e famose.
L’evento in chiusura del calendario è stata la sfilata di Miu Miu, ma nella mattinata dell’ultimo giorno ci sono state anche le presentazioni di Louis Vuitton, con lo stilista Nicolas Ghesquiere, e di Moncler, che ha ambientato lo show in un giardino.

Nei giorni scorsi hanno fatto parlare di sé in molti. Il primo è stato Alexander Wang, che ha chiuso il suo contratto con Balenciaga presentando la sua ultima collezione per la casa di moda venerdì 2 ottobre. L’ultima giornata di sfilate si è aperta con l’annuncio che il suo successore sarà Demna Gvasalia.
Si è poi parlato molto di Chanel, con la sua sfilata “aeroportuale”, ma anche di Christian Dior, che ha allestito come location una montagna di fiori di fronte al museo del Louvre. Tra gli ospiti c’era la fotografatissima popstar Rihanna.

Tra quelli da ricordare ci sono anche Rick Owens, stilista americano che ha fatto sfilare modelle-zaino in spalla ad altre modelle e il francese Simone Porte Jacquemus, che ha presentato la sua collezione primavera/estate con uno show molto teatrale (quello con il cavallo e la gigantesca palla rossa di tessuto).

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.