(LEON NEAL/AFP/Getty Images)

Perché i canali Mediaset spariscono da Sky

Canale 5, Rete 4 e Italia 1 non si vedranno più dal decoder di Sky e verranno rimpiazzati sui tasti 104-106

(LEON NEAL/AFP/Getty Images)

Come era stato anticipato nei giorni scorsi, Mediaset ha criptato i suoi canali in modo che non possano essere più trasmessi dalla televisione satellitare Sky. Questo significa che Canale 5, Rete 4 e Italia 1 non sono più visibili attraverso il decoder di Sky, come avviene già da tempo con i canali minori della RAI. Nei prossimi giorni i canali di Sky saranno quindi riorganizzati: sul 105 al posto di Canale 5 ci sarà Sky Uno, mentre sul 106 al posto di Italia 1 ci sarà un canale FOX con una selezione della sua offerta, riferisce l’ANSA. Il canale 104, invece, dopo l’eliminazione di Rete 4 non sarà da subito attivo, ma potrebbe esserlo in tempi brevi se Sky e RAI troveranno un accordo per riportare sul satellite Rai 4.

La decisione di Mediaset di criptare i canali deriva da una serie di ragioni, legate ai complicati rapporti con Sky. Le due aziende si sono fatte una concorrenza molto stretta per ottenere i diritti del calcio di questa stagione, soprattutto per Serie A e Champions League, senza condividere alcune esclusive come era avvenuto in passato. Mediaset aveva inoltre chiesto a Sky di ottenere qualcosa in cambio dei diritti di trasmissione dei suoi canali, ma Sky aveva risposto ricordando che il segnale delle reti Mediaset è libero e quindi può essere ripreso da altre piattaforme. Di conseguenza Mediaset ha deciso di criptare il suo segnale in modo che non possa più essere utilizzato da Sky.

Mediaset e Rai sono comunque ancora visibili tramite il decoder Sky se si utilizza una chiavetta (“digital key”) che permette di ricevere il segnale del digitale terrestre. Il sistema non è però molto pratico e non viene usato spesso dagli utenti, che preferiscono guardare quei canali direttamente dal televisore collegato all’antenna di casa.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.