(FILIPPO MONTEFORTE/AFP/Getty Images)
  • Italia
  • mercoledì 12 agosto 2015

Il Parmigiano Reggiano contro Pornhub

Il famoso sito porno ha nominato il famoso formaggio italiano in un suo spot: il Consorzio non l'ha presa bene

(FILIPPO MONTEFORTE/AFP/Getty Images)

Aggiornamento – Pornhub ha rimosso lo spot e ne ha diffuso un altro identico ma nel quale le parole “Parmigiano Reggiano” sono censurate.

L’11 agosto Pornhub, uno dei siti più grandi al mondo per guardare video porno in streaming, ha diffuso tre brevi spot per promuovere un suo nuovo servizio a pagamento: “Pornhub Premium”. Negli spot le parole “Pornhub Prremium” sono associate a prodotti e beni di qualità superiore, migliori rispetto a tutto il resto. In uno dei tre spot un uomo si riferisce al Parmigiano-Reggiano definendolo il “Pornhub Premium” dei formaggi. Poche ore dopo la diffusione del video il Consorzio del Parmigiano-Reggiano “ha dato mandato ai propri legali dì verificare eventuali ipotesi di reato” nei confronti di Pornhub, scrive Ansa.

Il Consorzio del Parmigiano-Reggiano ha chiesto “l’immediata sospensione dello spot”. Secondo il Consorzio, Pornhub ha impropriamente nominato il Parmigiano-Reggiano per fare pubblicità ai propri prodotti. Secondo il Consorzio, la menzione del Parmigiano-Reggiano è “non solo sgradevole e inaccettabile” ma anche offensiva “per i produttori e per il loro lavoro”, soprattutto perché associato a servizi definiti “volgari”. Il Post ha cercato di mettersi in contatto con il Consorzio per avere ulteriori chiarimenti sull’azione legale minacciata e sulle sue ragioni, ma gli uffici sono chiusi per ferie in questo periodo dell’anno.

Repubblica scrive che secondo un comunicato diffuso dal Consorzio:

«Quanto sia ben premeditata l’azione di sfruttamento della prestigiosa DOP italiana è reso ancor più evidente dal fatto che si cita il suo nome corretto e integrale, e non la più generica forma ‘parmesan’, che negli Usa è utilizzata per tanti formaggi. Non è certo questo il modo attraverso il quale vogliamo affermare la denominazione originale del nostro prodotto».

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.