• Media
  • giovedì 9 Luglio 2015

La vivace cronaca di Vigevano

Le passa ai giornali il capo dei Carabinieri locali – spiega La Stampa di oggi – che va piuttosto orgoglioso del suo senso per la notizia

Marco Bresolin racconta sulla Stampa la storia piuttosto divertente di Rocco Papaleo, comandante dei Carabinieri di Vigevano – “cittadina popolata da 60 mila umani e centinaia di migliaia di zanzare” – che raccoglie le denunce e gli esposti più strani che riceve e li passa ai giornali locali che ci riempiono le loro pagine di cronaca. Un esempio è «Sorprende la moglie a guardare Rocco Siffredi all’Isola dei Famosi: rompe la tv con una mazza», ma ce ne sono molti altri, tutte più o meno di questo tenore, che grazie alla passione del pubblico per le notizie morbose poi fanno il giro della stampa locale e dei social network. Bresolin spiega anche che diversi colleghi di Papaleo sono convinti che non tutte le informazioni che passa ai giornali siano vere, ma in molti casi è impossibile verificare visto che nel caso di questioni poco gravi il verbale non viene compilato.

«Infermiera 33enne bussa di notte ai carabinieri: mio marito è affamato di sesso, ma io voglio dormire». «Parrucchiera 35enne rompe il naso al marito: a letto non è più lui». Benvenuti nella tranquilla Vigevano – tranquilla si fa per dire – capitale delle notizie più folli dell’estate 2015. Ma è possibile che capitino tutte qui, in questa cittadina popolata da 60 mila umani e centinaia di migliaia di zanzare? «Sorprende la moglie a guardare Rocco Siffredi all’Isola dei Famosi: rompe la tv con una mazza». Sì, è possibile. E non è colpa delle zanzare.

Per capire cosa ci sia dietro bisogna entrare nella caserma dei carabinieri di via Castellana e fare un salto nell’ufficio di Rocco Papaleo. Che non è l’attore-regista lucano, ma il capitano della Compagnia di Vigevano. È lui che raccoglie le denunce, spulcia le relazioni dei militari, parla con i protagonisti e cerca il dettaglio più curioso. Trasforma la notizia in una storia. Che il più delle volte sembra uscita da quei film con Alvaro Vitali ed Edwige Fenech. «Tifoso rossonero va a vedere la partita al bar, ma il Milan perde. Torna a casa in anticipo, trova la moglie a letto con l’amante e li picchia». Mazziato, in quanto milanista, e pure cornuto.

(Leggi tutto l’articolo sul sito de La Stampa)

Una newsletter sul dannato futuro dei giornali