• Italia
  • giovedì 2 luglio 2015

Il sussidio ai disoccupati del Friuli-Venezia Giulia

L'ha promosso la presidente Serracchiani con il PD, l'ha votato anche il M5S: i più poveri riceveranno al massimo 550 euro al mese, con alcuni vincoli

Debora Serracchiani, presidente di regione del Friuli-Venezia Glulia (Vincenzo Livieri - LaPresse)

Lunedì 29 giugno il Friuli-Venezia Giulia ha approvato una legge che prevede l’assegnazione di un sussidio regionale ai disoccupati e alle persone che hanno uno stipendio molto basso. Secondo il Messaggero Veneto, la legge approvata in Friuli è la prima in Italia di questo genere. La legge è stata votata anche da SEL e dal Movimento 5 Stelle, che sul blog di Beppe Grillo ha scritto dell’approvazione della «legge regionale unificata sul reddito di cittadinanza» (il presidente della regione Debora Serracchiani ha precisato che la definizione è sbagliata). La nuova legge – che Serracchiani definisce una “misura attiva” per l’inclusione sociale – prevede un sussidio fino a un massimo di 550 euro per le persone con un indicatore ISEE inferiore ai seimila euro (quindi molto basso). L’erogazione del sussidio durerà un anno (ma si potrà riattivare dopo due mesi di sospensione) e sarà vincolata a un «percorso concordato di attivazione finalizzato a superare le condizioni di difficoltà del richiedente e del relativo nucleo familiare». È stato stimato che un massimo di 10mila persone farà uso del nuovo sussidio.

Non chiamatelo «reddito di cittadinanza», o «reddito minimo garantito», se non volete fare arrabbiare il governatore del Friuli Venezia Giulia Debora Serracchiani. E in effetti la legge regionale che vara il nuovo sussidio lo definisce «misure di inclusione attiva e sostegno al reddito». Un bonus fino a 550 euro netti al mese di cui potranno beneficiare diecimila tra i friulani più poveri.

Il provvedimento è diventato legge regionale anche grazie al voto del M5S. Si tratta di un’esperimento di tre anni, finanziato con circa 25 milioni reperiti nel bilancio friulano, che dovrebbe entrare in vigore a settembre, una volta varato il regolamento. Il bonus sarà di importo variabile, a seconda del reddito ISEE (un indicatore che tiene conto anche di fattori diversi dal reddito) della persona o della famiglia, e sarà riservato a chi ha un ISEE inferiore ai seimila euro. Il sussidio potrà essere erogato al massimo per 12 mesi, con possibile ripetizione dopo un’interruzione di 2 mesi. Per averne diritto, almeno un membro della famiglia dev’essere residente in Regione da almeno 24 mesi.

(Continua a leggere sul sito della Stampa)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.