• Mondo
  • mercoledì 27 maggio 2015

I morti per il caldo in India

Quasi 1.500 persone sono morte in due stati dell'India centrale nell'ultima settimana, dove sono state registrate temperature anche superiori ai 45 gradi centigradi

Un passeggero di un treno indiano si sciacqua con dell'acqua alla stazione ferroviaria di Jammu, India, 25 maggio 2015. (AP Photo/Channi Anand)

Aggiornamento del 28 maggio – Le persone morte per gli effetti del caldo in India sono quasi 1.500. I due stati più colpiti dalle alte temperature sono Andhra Pradesh e Telangana nell’India centro-orientale: nel primo, dallo scorso 31 maggio, sono morte 1.020 persone, più del doppio rispetto all’anno precedente; nel secondo, durante lo scorso fine settimana, sono morte 340 persone (nel 2014 i morti erano stati 31).

***

Nell’ultima settimana circa 1.100 persone sono morte in India per gli effetti del caldo (alcuni giornali locali parlano di oltre 1.200 morti): i due stati indiani più colpiti dalle alte temperature sono Andhra Pradesh (con finora 852 morti) e Telangana (con 266 morti), nell’India centro-orientale. Oggi le temperature nei due stati sono calate leggermente, anche se la massima ha fatto registrare 45 gradi centigradi. Le autorità locali hanno detto che nei prossimi giorni dovrebbero arrivare delle piogge pre-monsoniche, che potrebbero abbassare ulteriormente le temperature. Non è raro che l’estate in India raggiunga temperature così elevate: già in passato gli effetti del caldo avevano provocato centinaia di morti in tutto il paese.

Negli ultimi giorni ci sono stati 24 morti anche nel Bengala Occidentale e nell’Orissa, due stati dell’India nord-occidentale: temperature molto elevate si sono registrate nello Uttar Pradesh, nello Jharkhand, nel Rajasthan e a New Delhi, la capitale indiana, con temperature che la scorsa settimana hanno raggiunto anche i 50 gradi centigradi. Le autorità hanno detto ai residenti di molte città di rimanere in casa. BBC dice che molte delle persone che sono morte sono rimaste esposte al sole direttamente, avevano di media circa 50 anni e provenivano dalla classe operaia.

Maggio è il mese più caldo dell’anno in India, con una temperatura media che si aggira attorno ai 42 gradi centigradi a New Delhi. Negli ultimi anni le temperature medie sono aumentate, proporzionalmente al resto del mondo. Finora gli anni recenti peggiori per le alte temperature sono stati il 2002 e il 2003, quando migliaia di persone sono morte in tutto il paese a causa degli effetti del caldo.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.