Una vista dalla Highline Gallery, la passerella sopra la Galleria Vittorio Emanuele (Il Post)

La “Highline Galleria”, una passerella sul centro di Milano

Passa sopra la Galleria e da lì si può vedere tutto lo skyline della città, oltre che un nuovo panorama del Duomo, proprio davanti

Una vista dalla Highline Gallery, la passerella sopra la Galleria Vittorio Emanuele (Il Post)

Mercoledì 20 maggio ha aperto al pubblico la Highline Galleria, una passerella costruita sopra alla Galleria Vittorio Emanuele II, in centro a Milano: è un camminamento lungo circa 250 metri che corre sopra la copertura della Galleria e ha una superficie totale di 550 metri quadri. L’accesso alla passerella della Galleria è da via Silvio Pellico 2 (all’angolo con Piazza Duomo 21: guardando la facciata del Duomo, sulla sinistra) e sarà aperto tutti i giorni dalle ore 9 alle ore 23, con l’ultimo ingresso alle ore 22,30.

Il costo del biglietto è di 12 euro per gli adulti e 10 euro per i bambini. Dall’alto della passerella, provvista di protezioni laterali, si può avere una visuale nuova di Piazza Duomo, del Duomo stesso e della Madonnina, ma si vede anche tutto lo skyline della città, con i nuovi grattacieli che spuntano tra le case di Milano.

Il progetto è stato realizzato dall’albergo Seven Stars Galleria e dall’agenzia di marketing AlessandroRosso Group che hanno portato avanti i lavori sotto la supervisione del Comune di Milano. Sulla passeggiata c’è anche un museo legato alla storia di Milano, nel periodo in cui fu costruita la Galleria Vittorio Emanuele II (la cupola centrale della Galleria – alta 47 metri nel punto più alto – insieme alla tettoia di copertura furono costruite con 353 tonnellate di ferro e 7 milioni e 850mila metri quadri di lastre di vetro e furono progettate dall’architetto Giuseppe Mengoni nel 1865: la Galleria fu poi inaugurata nel 1877).

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.