La bufala delle arance libiche contaminate dal virus HIV

Sta circolando molto su Facebook un'immagine allarmista che non ha niente di vero e neanche di verosimile

Sta circolando molto su Facebook un post con un’immagine di alcune arance tagliate a spicchi con quelle che sembrano essere delle venature rosse. Il messaggio scritto sopra alla foto – tradotto malamente in italiano, perché il post originale era scritto in arabo – spiega che le arance, importate dalla Libia, sarebbero state bloccate alla dogana algerina perché infettate col sangue di un malato di HIV (virus dell’immunodeficienza umana).

Arance contaminate

La stessa immagine era già stata condivisa l’anno scorso su un forum con la stessa versione, ma non aveva avuto così risalto sui social media. Senza considerare il fatto che la fonte da cui arrivano queste immagini è sconosciuta, la notizia è chiaramente una bufala. Innanzitutto non ci sono conferme da qualsiasi fonte di anche minima affidabilità. Ma soprattutto, anche se le arance fossero state effettivamente contaminate con sangue infetto con il virus dell’HIV, non ci sarebbe pericolo di contaminazione: è noto che il virus HIV non si può prendere per via aerea o attraverso il cibo, perché sopravvive per un tempo brevissimo fuori dal corpo umano.

Inoltre, come sa chiunque mangi di tanto in tanto un’arancia, è piuttosto normale che ci siano venature di colori diversi.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.