Moocall, un’invenzione per mucche

Uno dei progetti candidati per un importante premio del Museo del Design di Londra potrebbe migliorare la vita agli allevatori di tutto il mondo (e ai loro animali, soprattutto)

di Kristin Hohenadel – Slate

Il Museo del Design di Londra ha pubblicato i 76 progetti candidati per il miglior Design del 2015. La lista va dall’architettura alla moda, dal design del prodotto al design digitale, dalla grafica ai trasporti, e comprende progetti di alto livello come l’auto che si guida da sola di Google, la campagna di un supermercato francese per ridurre lo spreco di cibo vendendo anche gli ortaggi brutti e deformi e le nuove banconote norvegesi.

Quest’anno, come segnala il Museo in un comunicato stampa, molti dei progetti candidati condividono «il desiderio di applicare le nuove tecnologie per risolvere problemi diffusi da molto tempo». Tra i progetti in gara c’è Moocall, un gadget irlandese che avvisa gli allevatori quando le mucche iniziano il travaglio. Dato che premi come questo possono sembrare riduttivi e soggettivi come gli Oscar per il cinema, è una bella novità che un importante istituto del design trovi una soluzione a un problema molto tecnico, sconosciuto alla gente comune ma che avrebbe conseguenze enormi per tutti gli allevatori del pianeta.

Moocall

Moocall viene semplicemente agganciato alla coda della mucca incinta (contrariamente ad altri strumenti più invasivi che monitorano lo stato di travaglio delle mucche) e invia un SMS all’allevatore circa un’ora e mezza prima che la mucca partorisca. Inventato dall’allevatore Niall Austin, Moocall è stato progettato dagli allevatori per tenere d’occhio le mucche incinte e aumentare i tassi di nascita e i profitti della fattoria. Lo strumento utilizza sensori per il movimento e una sim card col roaming incorporato, in grado di rilevare anche i più flebili segnali di rete.

Austin ha spiegato che è difficile prevedere il travaglio delle mucche e che a volte è necessaria la supervisione degli allevatori. Se gli allevatori si accorgono tardi che una mucca sta per partorire, possono morire sia lei che i vitelli. Austin ha spiegato a Irish Tech News che «nella mia fattoria ho perso giovenche e vitelli semplicemente perché non ero lì ad aiutare le mucche. Dopo l’ultimo tragico incidente nel 2010 volevo trovare qualcosa per evitare che succedesse di nuovo. Perdere una mucca e un vitellino durante il parto è una cosa che spezza il cuore, e molto spesso è evitabile».

I cellulari possono essere impostati per riconoscere il numero di Moocall e impostare una suoneria specifica per gli avvisi del dispositivo, specialmente quelli notturni. Anche se Austin ha progettato Moocall per le mucche della sua fattoria a County Offaly, in Irlanda, spera di raggiungere il mercato del bestiame negli Stati Uniti, in Canada e in Sudamerica.

moocall_2

Moocall, che come si legge sul sito è stato «progettato dagli allevatori per gli allevatori», è stato creato con l’aiuto delle società tecnologiche irlandesi Motech Engineering e Dolmen. Le due società hanno capito che il prototipo poteva essere un punto di partenza per il design e la realizzazione di un dispositivo abbastanza solido da sopportare tutte le condizioni atmosferiche e tenere a bada la naturale propensione delle mucche a mangiare, leccare e distruggere i singoli Moocall.

I vincitori delle singole categorie del Design dell’anno saranno annunciati a maggio mentre il vincitore assoluto lo sarà a giugno. I progetti saranno in mostra al Museo del Design di Londra dal 25 marzo al 23 agosto.

(@Slate 2015)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.