• Cultura
  • martedì 24 febbraio 2015

Una canzone al giorno su una notizia del Guardian

Will Butler degli Arcade Fire scriverà sette canzoni su altrettante notizie pubblicate dal quotidiano britannico: la prima è uscita lunedì e parla della crisi greca

Il musicista e polistrumentista degli Arcade Fire William Butler (fratello minore del più famoso leader della band Win Butler) ha deciso di scrivere una canzone al giorno per una settimana prendendo spunto dalle notizie che leggerà sul Guardian, che pubblicherà quotidianamente le canzoni. Lunedì 23 febbraio il sito del Guardian ha pubblicato la prima delle sette canzoni, Clean Monday, che parla della situazione in Grecia, accompagnata da una nota scritta dal musicista che spiega la scelta di occuparsi di questa notizia d’attualità (“Faccio il tifo per la Grecia. Voglio dire, chi diavolo non lo farebbe? Anche se sei di destra o super-tedesco o super-capitalista probabilmente non vorresti comunque che la Grecia uscisse dall’euro o andasse in bancarotta”).

Butler ha spiegato che per il progetto si è ispirato in parte a Bob Dylan, che spesso diceva di prendere spunto dalle notizie dei giornali per le sue canzoni, e in generale dal suo interesse per l’attualità e le notizie:

Leggo tutti i giorni il Guardian, sfoglio le varie sezioni. Molte notizie si prestano benissimo a diventare canzoni. È una cosa brutale ma spesso mi ritrovo a leggere qualcosa e a pensare “Uh, potrei tirare fuori qualcosa di veramente sostanzioso da questa storia”, come per esempio quella di Dominique Strauss-Kahn, che è la storia più squallida del mondo, ma è interessante. Oppure si potrebbe leggere un titolo di scienza e pensare ‘”l’Universo è molto più grande di quanto pensassi”. C’è qualcosa di molto bello in questo.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.