• Scienza
  • martedì 24 febbraio 2015

La marijuana è più sicura dell’alcol

Una ricerca lo conferma una volta per tutte: ci sono molti – ma MOLTI – più rischi associati ad alcolici e tabacco, su cui dovrebbero concentrarsi quelli che fanno le leggi

di Christopher Ingraham - The Washington Post

Rispetto ad altre sostanze stupefacenti usate a scopo ricreativo – alcol incluso – la marijuana è probabilmente ancora più sicura di quanto fosse stato immaginato finora; inoltre è probabile che attualmente i ricercatori stiano sottostimando i rischi che comporta il consumo di alcolici, almeno stando a una recente ricerca pubblicata sulla rivista scientifica Science Reports, che fa parte della più famosa Nature. I ricercatori hanno provato a quantificare il rischio di morte legato all’uso di diverse sostanze molto diffuse e in questo modo hanno scoperto che, per quanto riguarda l’uso individuale, l’alcol è la sostanza cui è associabile il più alto tasso di mortalità, seguito dall’eroina e dalla cocaina.

E che cosa c’è invece al fondo della lista? La cannabis. Lo studio stima che sia 114 volte meno mortale dell’alcol: il calcolo è stato effettuato confrontando le dosi letali di ogni sostanza con le quantità che sono normalmente assunte da una persona che ne fa uso. La marijuana è inoltre l’unica sostanza stupefacente tra quelle prese in considerazione nella ricerca a comportare un rischio di morte molto basso tra i suoi utilizzatori. I ricercatori hanno determinato il rischio di mortalità attraverso il rapporto tra la quantità mediamente utilizzata di quella sostanza e la sua “dose letale”: non solo la marijuana è finita in fondo alla lista – che comprende anche il tabacco – ma ci è finita con un distacco tale da risultare l’unica sostanza classificata “a basso rischio di mortalità”.

marijuana-alcol

Queste nuove indicazioni confermano le valutazioni fatte una decina di anni fa per stabilire la pericolosità di diversi tipi di sostanze stupefacenti: si tratta quindi più che altro di una conferma e non di una vera e propria nuova scoperta, ma considerato il dibattito in tutto il mondo intorno alla marijuana e ai rischi che possono derivare dal suo utilizzo, lo studio non poteva essere pubblicato in un momento migliore.

È bene comunque ricordare che “più sicura dell’alcol” non significa “sicura punto e basta”. Molti sostenitori della sua legalizzazione spiegano che la marijuana è “naturale” e che può essere usata per scopi medici come un farmaco, cosa che di conseguenza la rende “sicura”, altrimenti le autorità non consentirebbero di farne ricorso. Ma naturalmente ci sono un sacco di cose naturali che nessuno penserebbe mai di definire “sicure”, come il veleno di alcuni serpenti, per esempio.

Ci sono molti rischi legati al consumo di marijuana. Molti di questi riguardano problemi alla salute mentale e di solito peggiorano se si fuma marijuana costantemente. Detto questo bisogna essere onesti fino in fondo e ammettere che ci sono rischi legati a qualsiasi cosa tu immetta nel tuo corpo. Mangia troppo zucchero e sei sulla strada giusta per avere problemi ai denti e sviluppare forme di diabete. Sala troppo le tue pietanze e avrai più probabilità di avere un ictus. Eccetera. Le sostanze stupefacenti, come la marijuana e l’alcol, non hanno quindi l’esclusiva per quanto riguarda i rischi legati al consumo.

Quello che cambia per queste sostanze, e le distingue dal resto, è il modo in cui sono trattate dalla legge: e nel loro studio gli autori spiegano che spesso nelle leggi le valutazioni e le definizioni di sostanze stupefacenti “sono espresse senza alcuna base scientifica”. Ci sono fatti che lo confermano. Considerati i rischi relativi legati al consumo di marijuana e alcol, gli autori consigliano di “concentrare la gestione del rischio sull’alcol e il tabacco prima che sulle sostanze stupefacenti illecite”. E parlando della marijuana, gli autori dello studio ricordano che i bassi rischi legati alla sostanza “suggeriscono l’adozione di un approccio che preveda leggi rigorose ma non il proibizionismo”.

In pratica chi si batte contro la legalizzazione della marijuana dovrebbe concentrarsi su alcol e sigarette, se davvero ci tiene al bene del suo paese. Bisogna essere piuttosto sfrontati per inveire contro i rischi della marijuana e poi tornarsene a casa per bersi un bicchiere di qualcosa molto più pericoloso.

©2015 The Washington Post