• Cultura
  • mercoledì 11 febbraio 2015

I quadri per non vedenti al Prado di Madrid

Le riproduzioni di quadri famosissimi sono state stampate in 3D in rilievo, per poter essere toccate e apprezzate da chi non può vederli

Da circa tre settimane ha aperto al Prado di Madrid, uno dei più famosi musei d’arte europei, una mostra intitolata Hoy toca el Prado (“oggi tocca il Prado”)per la quale sei famosi quadri sono stati stampati in 3D per poter essere toccati – e quindi immaginati – dalle persone non vedenti. I sei quadri sono copie di Noli me tangere, del Correggio, La fucina di Vulcano di Velázquez, Il parasole di Goya, La Gioconda di Leonardo da Vinci, Il gentiluomo dalla mano sul petto di El Greco e Natura morta con carciofi, fiori e recipiente in vetro di Van der Hamen. I quadri hanno uno spessore di un massimo di 6 millimetri, si trovano su dei ripiani reclinati e vengono “letti” dai non vedenti con il tocco della mano (le didascalie invece sono state composte in Braille). Ai partecipanti viene fornita anche un’audioguida che spiega quali parti del quadro toccare, per comprenderlo. La mostra è stata realizzata in collaborazione con l’Organización nacional ciegos españoles, un’agenzia governativa che si occupa di iniziative per i ciechi, e resterà aperta fino al 28 giugno. Una mostra simile, in Spagna, era già stata organizzata nel 2010 dal Museo de Bellas Artes di Bilbao.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.