• Italia
  • venerdì 5 dicembre 2014

Cosa resta dello stabilimento Alfa Romeo ad Arese

Le foto di quello che negli anni Sessanta era il più grande stabilimento dell'azienda e che oggi è del tutto abbandonato

Andrea Timpanaro è un fotografo non professionista di 40 anni che vive a Solaro, in provincia di Milano, e che ha recentemente prodotto un lavoro sull’immagine delle realtà industriali italiane in declino. A novembre Timpanaro ha scattato una serie di fotografie ad Arese in quello che poco più di cinquanta anni fa, nel 1963, era considerato il più grande stabilimento dell’Alfa Romeo, prima di attraversare un periodo di grosse difficoltà economiche e riduzione del numero di impiegati. In circa dieci anni dai 22.400 operati presenti nel 1974 si passò a 16 mila, un anno dopo la cessione della fabbrica alla FIAT nel 1986. Negli anni Novanta ci fu un ulteriore riduzione: gli operai diventarono meno di 4 mila, nel 1997, prima che la produzione delle macchine cessasse del tutto tre anni più tardi.

Nel 2013 è stato avviato un progetto per riutilizzare le aree dello stabilimento, ormai completamente abbandonato: secondo il progetto, al posto dei capannoni dismessi e delle strutture della fabbrica sorgeranno un centro commerciale e un parcheggio da 10 mila posti auto per i visitatori del vicino sito Expo 2015.

Le altre foto scattate da Timpanaro sull’ex stabilimento di Alfa Romeo si possono guardare sul suo sito, dove si trovano anche altri suoi progetti. Si può seguire anche su Twitter, qui,

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.