• Mondo
  • mercoledì 3 dicembre 2014

Ora Bill Cosby è stato denunciato

Una donna ha detto di essere stata molestata sessualmente quando aveva 15 anni: è la prima causa contro Cosby dopo settimane di nuove accuse

Bill Cosby, 77enne popolare attore e comico statunitense, è stato denunciato alla Corte superiore della contea di Los Angeles per violenza sessuale e danni morali da una donna 55enne che ha detto di essere stata molestata da Cosby quando aveva 15 anni, nel 1974. Nonostante finora circa venti donne abbiano raccontato di essere state molestate da Cosby, l’unica denuncia a suo carico è stata presentata nove anni fa da una donna di nome Andrea Constand, con la quale nel 2006 Cosby ha concordato un patteggiamento di cui non sono state rese note le cifre. Gli avvocati di Cosby hanno sempre definito infondate le numerose accuse sul suo conto; lo stesso Cosby si è rifiutato spesso di commentare le accuse.

La donna che lo ha denunciato ieri si chiama Judy Huth e ha detto di avere conosciuto Cosby nel 1974 a Lacy Park, un parco di Los Angeles nel quale Cosby stava girando la scena di un film. Ha detto che Cosby invitò lei e una sua amica sedicenne a passare del tempo insieme in un tennis club. Durante l’incontro Huth ricorda che giocarono a biliardo e che Cosby le fece bere «diverse bevande alcoliche». Secondo il racconto di Huth, dopo Cosby disse di avere per loro una sorpresa e le portò alla Playboy Mansion, la casa del fondatore della rivista per uomini Playboy Hugh Hefner. Disse loro di mentire sulla propria età e fingere che avessero 19 anni. Poi le due ragazze chiesero di andare in bagno e Cosby le portò in una stanza da letto all’interno dell’edificio: dopo che le ragazze uscirono dal bagno, racconta Huth, Cosby si fece trovare seduto su un letto e chiese a Huth di sedersi vicino a lui. Secondo l’accusa, Cosby cercò di toccarle le parti intime e utilizzò la sua mano per eseguire un atto sessuale. Huth ha definito l’episodio «un incidente traumatico» che le ha provocato «danni sostanziali e prolungati». Bill Cosby non ha commentato.

Le accuse emerse contro Cosby riguardano episodi avvenuti fra gli anni Sessanta e Novanta (il Guardian ha provato a mettere in fila tutti i casi emersi negli ultimi dieci anni, ma la lista si ferma alla settimana scorsa). Stando ai racconti delle donne molestate, Cosby era solito offrire alcune pasticche di droga o alcuni bicchieri di bevande alcoliche prima di molestarle fisicamente: molte donne dicono di essere state fisicamente impossibilitate a opporre resistenza.

Le accuse nei confronti di Cosby erano note da anni: gli avvocati di Andrea Constand nove anni fa misero insieme 13 testimonianze di donne che dicevano di aver subito abusi sessuali da parte di Cosby (nel 2006 un articolo di People spiegò che Cosby aveva dato dei soldi a tre delle tredici testimoni per non rendere pubbliche le loro relazioni). Le nuove attenzioni nei suoi confronti sono state generate dal comico statunitense Hannibal Buress, che durante un suo spettacolo a Philadelphia lo scorso ottobre si è riferito a queste accuse definendo pubblicamente Cosby uno “stupratore”.

Negli ultimi tempi, in seguito alle accuse, molti hanno cercato di prendere le distanze da Cosby o hanno chiesto scusa per non aver detto o fatto nulla nonostante ne fossero a conoscenza. NBC e Netflix hanno cancellato senza fornire una spiegazione i nuovi progetti a cui stavano lavorando assieme a Cosby. Da poco tempo si può chiedere il rimborso dei biglietti per due suoi spettacoli che dovrebbe tenere nello stato di New York nei prossimi giorni. Due giorni fa Cosby si è dimesso dal consiglio di amministrazione della Temple University, l’università di Philadelphia che aveva frequentato da ragazzo e che aveva sostanziosamente finanziato dopo il successo.

foto: Bryan Bedder/Getty Images for New York Comedy Festival

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.