• Cultura
  • venerdì 21 novembre 2014

Le nuove accuse contro Bill Cosby

Altre donne lo hanno accusato per presunti abusi sessuali avvenuti nei decenni scorsi: AP ha diffuso un'intervista in cui lui chiede di tagliare le domande sul tema

Bill Cosby, uno dei più popolari attori e comici statunitensi degli anni Ottanta, è da diverse settimane al centro di notevoli attenzioni mediatiche in relazione ad alcune vecchie accuse di abusi sessuali a cui se ne sono aggiunte altre nuove, tutte riferite a eventi presumibilmente accaduti tra la fine degli anni Settanta e il 2004. Complessivamente sette donne hanno riferito di aver subito violenze sessuali da parte di Cosby: l’ultima in ordine di tempo è Therese Serignese, una donna della Florida che mercoledì in un’intervista ha detto di esser stata stuprata da Cosby dopo essere stata drogata, nel 1976. Tra le donne che lo accusano, Serignese non è l’unica ad aver riferito questo dettaglio degli stupefacenti che Cosby avrebbe dato alle ragazze a loro insaputa prima di abusare di loro. Nel corso degli anni, e anche nelle ultime settimane, Cosby ha sempre rifiutato di fare qualsiasi commento su questa storia. L’unica azione legale con accuse di questo genere si è conclusa nel 2006 con un patteggiamento.

Gran parte delle accuse si riferiscono a eventi che sarebbero accaduti quando Cosby – noto soprattutto per I Robinson, una delle più famose serie televisive statunitensi degli anni Ottanta – era all’apice della sua popolarità. Nel 1976 Serignese aveva 19 anni e Cosby faceva diversi spettacoli comici a Las Vegas. Lei dice che lui la invitò a un suo spettacolo e poi, alla festa successiva, ricevette da lui tre grandi pillole bianche e lei le prese, intimidita e intimorita. Serignese ha detto di aver sentito di non poter rifiutare: «Era una figura autorevole, un uomo grande – 20 anni più grande di me – e quindi le presi. Non sapevo cosa fossero, neanche chiesi. Fui soltanto intimidita, credo. Le presi. Il mio ricordo seguente è di essermi sentita drogata e aver fatto sesso con lui». Serignese ha aggiunto che Cosby le permise di restare nella sua suite per diverse altre settimane dopo il presunto abuso.

Mercoledì Associated Press ha diffuso un filmato di un’intervista fatta a Cosby il 6 novembre scorso, e cioè poco prima che questa storia ottenesse ancora più attenzione. A un certo punto l’intervistatore chiedeva un commento sulle accuse di abusi sessuali ricevute da Cosby negli anni scorsi. Cosby rifiuta di rispondere e non fa altri commenti. Poi, credendo che le riprese siano state interrotte, chiede al giornalista che la parte con le domande sugli abusi sia rimossa dal filmato finale.

Scrive Vox: “Il rifiuto di Cosby di rispondere alla domanda non è sorprendente. Ma la sua richiesta che AP tenga nascosto il filmato – e la sua apparente sicurezza che le sue richieste saranno accolte – offre una visione agghiacciante del perché ci sia voluto così tanto tempo perché le accuse contro di lui diventassero una storia così importante”. In particolare Cosby chiede all’intervistatore di essere onesto e dice di credere nella sua “integrità”. Ma sembra avere l’impressione “errata”, scrive Vox, che “integrità significhi ‘volontà di evitare la discussione riguardo numerose donne che ti hanno accusato di averle drogate e violentate’”. A un certo punto Cosby si rivolge a una persona fuori campo riguardo a un precedente accordo sul non fare domande sulle accuse di abusi sessuali: il loro breve dialogo, sostiene Vox, dà come l’impressione che ci fosse una specie di policy di AP su non occuparsi di questa storia.

Appena il giorno prima dell’intervista di Serignese, la settima donna a diffondere pubblicamente le sue accuse, una sesta donna, la modella Janice Dickinson, aveva detto in un’intervista di essere stata stuprata da Cosby nel 1982. All’epoca, in vista di una possibile collaborazione professionale, secondo quanto riferito da Dickinson, lei e Cosby cenarono insieme al lago Tahoe, in California, dove Cosby teneva alcuni spettacoli. Dickinson chiese a Cosby una pillola per il mal di stomaco: lui le portò una pillola da bere con un bicchiere di vino rosso, dice lei, sostenendo di essersi svegliata la mattina seguente senza vestiti. Anche lei dice di ricordare di essere stata stuprata prima di perdere completamente conoscenza.

Bill Cosby a una cerimonia per il Giorno dei Veterani a Philadelphia, martedì 11 novembre 2014.
(AP Photo/Matt Rourke)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.