• Video
  • sabato 15 novembre 2014

Lo spot sulla “tregua di Natale” di una catena di supermercati britannici

È ispirato a un fatto realmente avvenuto durante la Prima guerra mondiale: è piuttosto commuovente, ma è stato anche molto criticato

La catena di supermercati britannica Sainsbury’s, in collaborazione con la Royal British Legion (una fondazione che si occupa di fornire aiuto ai veterani dell’esercito inglese), ha realizzato un spot particolarmente curato e commuovente sulla Prima guerra mondiale. Lo spot è ispirato alla “tregua di Natale”, uno degli episodi più famosi della guerra: il 25 dicembre del 1914, in vari punti del fronte occidentale, ci fu una tregua spontanea tra i soldati alleati – inglesi e francesi – e quelli tedeschi. I militari uscirono dalle trincee e si scambiarono cibo e altri regali. La tregua venne utilizzata soprattutto per permettere di seppellire i corpi abbandonati nella terra di nessuno tra le trincee.

Lo spot di Sainsbury’s è storicamente piuttosto accurato (qui potete leggere una discussione avvenuta su Twitter tra diversi storici, tra cui i consulenti che hanno collaborato alla realizzazione della pubblicità). Nonostante questo, diversi commentatori lo hanno criticato (qui sul Guardianqui su Slate): il problema, dicono i critici, è che Sainsbury’s ha sfruttato i fatti drammatici della Prima guerra mondiale sostanzialmente per fare profitti. Secondo ad esempio il giornalista del Guardian Ally Fog, la catena di supermercati ha sì ricordato un importante episodio della guerra, ma a differenza di molti altri lo ha fatto senza mostrare il suo lato crudo e violento. In sostanza, ha scritto Fog, il problema è che la guerra non è un tema adatto per uno spot natalizio.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.