• Mondo
  • lunedì 3 novembre 2014

Il giorno dei morti nel mondo

Le foto delle celebrazioni di domenica dalle Filippine al Brasile, da Haiti al Messico: tombe decorate, fiori, maschere e riti voodoo

Il 2 novembre in moltissimi paesi del mondo − soprattutto quelli con una forte presenza o tradizione cattolica − è il giorno dedicato da tante persone al culto dei morti: nel corso dei secoli si sono sviluppate usanze particolari legate a questa giornata, soprattutto in Sudamerica, dove i festeggiamenti possono durare molti giorni e prevedono musica e cibi tradizionali, tra le altre cose. In Messico, dove si celebra il Día de los Muertos, la festa è legata a una tradizione ancestrale secondo cui i morti tornerebbero in vita in alcuni giorni dell’anno; la commemorazione è un rito allegro e ironico: il simbolo della festa, le calaveras, sono infatti teschi e scheletri sorridenti, sotto forma di pupazzi o dolciumi.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.