• Sport
  • sabato 1 novembre 2014

La squadra di calcio universitaria inglese che ha provato a usare PornHub come sponsor

È una storia strana iniziata come uno scherzo architettato dai giocatori dei Rutherford Raiders: ma l'università si è opposta, bloccando tutto

Ai Rutherford Raiders, una squadra di calcio dell’Università del Kent, in Inghilterra, è stato vietato di usare come sponsor della squadra PornHub, uno dei più grandi siti porno al mondo. La proposta era nata come uno scherzo da parte dei giocatori, a causa alle difficoltà della società a trovare un partner commerciale: il logo di PornHub era stato sovrapposto a una maglia dei Rutherford Raiders in una foto diffusa sui social network. I Rutherford Raiders erano poi stati contattati sul serio da PornHub, che si era offerto come sponsor dopo aver saputo dello scherzo. L’università è però intervenuta nella vicenda: “Il dipartimento sportivo dell’Università del Kent non approverebbe mai uno sponsor di questo tipo – è completamente inappropriato – ed è stato detto alla squadra che non le sarà mai permesso di indossare una maglia del genere”, ha detto una portavoce dell’università.

 

I Rutherford Raiders partecipano per l’Università del Kent a un campionato interno organizzato tra squadre formate da studenti provenienti da varie università d’Inghilterra. La nuova stagione è cominciata da pochi giorni. Al giornale universitario locale, The Tab, un giocatore della squadra ha detto:

«Non capiamo dove stia il problema. La squadra di cricket dell’università è sponsorizzata da Kingfisher [una marca di birra], che è pure un prodotto con un divieto stabilito in base all’età. La squadra di rugby dell’università una volta aveva delle magliette di allenamento con sopra scritto “80 minuti, 15 posizioni, senza protezioni, vuoi unirti alla mischia?”. Per come la vedo io, la decisione è stata presa da persone del dipartimento sportivo che non hanno percezione di cosa sia socialmente accettabile. È difficile per le squadre di calcio trovare uno sponsor».

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.