Le cose nascoste nei loghi

Immagini che abbiamo sempre avuto davanti e senza rendercene conto ci dicevano qualcosa

Guardatevi intorno e vi renderete conto di essere circondati da loghi di ogni genere e tipo, di altrettanti marchi che cercano in tutti i modi di ricordarvi la loro presenza, in modo discreto o con prepotenza. Probabilmente avete un logo davanti agli occhi pure in questo momento, sulla cornice dello schermo che vi sta mostrando questo articolo. Dopo anni – decenni – di convivenza alcuni loghi ci sono diventati molto familiari, al punto da non stupirci più di tanto quando ce li troviamo intorno, anche in stazione. Da un logo ben studiato, non troppo invadente e complicato, ma al tempo stesso con una chiara identità, può dipendere il successo di un nuovo prodotto o di una intera azienda. Spesso chi li progetta si spinge oltre l’ovvio, nascondendo all’interno dei suoi loghi richiami e simboli che vediamo senza accorgerci di vederli. Poi arriva un giorno, questo, in cui impariamo a vederne qualcuno, e cambia tutto. O quasi.

Dentro ogni logo, le cose di quel logo di cui forse non vi siete accorti.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.