Come funziona Apple Watch

Le prime dimostrazioni video dello smartwatch di Apple, sul quale ci sono ancora diverse cose da chiarire

Apple Watch, il primo smartwatch realizzato da Apple, è stato definito da Tim Cook come “un nuovo capitolo nella storia” della società, che dirige da quando gli fu affidato l’incarico dopo il ritiro del cofondatore Steve Jobs. L’orologio sarà messo in vendita nei primi mesi del 2015 e, benché il suo futuro sia ancora incerto, Apple confida di renderlo un successo paragonabile a quello degli iPhone e degli iPad negli ultimi anni.

Apple ha realizzato tre diverse collezioni di Apple Watch, con cinturini e casse da abbinare tra loro per personalizzare il proprio orologio, che sarà disponibile in due misure. Il sistema operativo che lo fa funzionare deriva da iOS, quello utilizzato su iPhone e iPad, e permette di vedere le notifiche ricevute dal proprio iPhone sul quadrante dell’orologio, di ricevere e inviare messaggi, effettuare ricerche online, consultare le mappe, accedere ai social network, alle proprie fotografie e usare altre applicazioni. L’orologio ha diversi sensori di movimento, che mandano informazioni a due app che tengono traccia della propria attività fisica, dando consigli e obiettivi da superare per tenersi in forma. Oltre al touchscreen, è possibile muoversi e inviare comandi utilizzando la rotellina posta sul lato dell’orologio.

Stando alle prime recensioni, scritte da chi ha potuto provare brevemente lo smartwatch dopo la sua presentazione, Apple Watch è realizzato con materiali di maggiore qualità rispetto ai dispositivi messi in commercio fino a ora dalla concorrenza, ma mancano ancora numerose informazioni ufficiali su alcune caratteristiche importanti, come la durata della batteria e l’impermeabilità dell’orologio (si sa solo che è resistente all’acqua, cosa diversa da essere impermeabile e quindi utilizzabile mentre si nuota, per esempio).

Sul suo account ufficiale di YouTube, Apple ha invece pubblicato una presentazione più articolata su come è nata ed è stata sviluppata l’idea per il suo Apple Watch.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.