Gli incontri online durante la guerra a Gaza

Le schermate delle conversazioni su un sito di appuntamenti tra israeliani e persone che dicono loro di trovarsi a Ramallah, in Palestina

Un gruppo di giovani insegnanti americani che lavorano a Ramallah, in Palestina, ha pubblicato online le schermate di un esperimento che ha deciso di fare per indagare in modo laterale pensieri e reazioni degli israeliani in questi giorni di scontro violento tra l’esercito israeliano e Hamas, e di civili uccisi e in pericolo continuo. Usando i popolari servizi di incontri online Tinder e Grindr, hanno avviato con degli altri utenti israeliani delle conversazioni che solitamente hanno uno sfondo o un obiettivo sentimentale o erotico, introducendo l’elemento del loro trovarsi a Ramallah, e hanno raccolto le reazioni dei loro interlocutori. E le hanno pubblicate su un tumblr che hanno chiamato Palestinder.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.