13 cose strane che capitano al nostro corpo

Non a tutti: alcuni medici hanno dato un loro parere tecnico riguardo ai bizzarri sintomi riferiti in una discussione su Internet tra semi-ipocondriaci

di Brian Palmer – Slate

Il vostro corpo è strano. Ammettetelo: fate strani rumori, sentite dolori lancinanti fuori luogo, producete secrezioni da posti da cui non dovrebbero provenire. Vi dirò una cosa mia così non vi sentirete gli unici scherzi della natura: dopo aver fatto esercizio fisico prolungato, mi capita di ritrovarmi con l’orecchio sinistro tappato, e rimane così per una mezz’ora. Non ho idea del perché succeda, ma provo un sollievo temporaneo se avvicino il mento alla clavicola destra.

All’inizio di questo mese, qualcuno ha creato su Reddit una discussione intitolata “C’è una cosa strana che il vostro corpo fa e che credete capiti a chiunque anche se non lo avete mai chiesto in giro?”. I lettori simpatizzano riguardo le loro particolarità inspiegabili o indicibili. C’è evidentemente bisogno di uno spazio sicuro del genere. Non potete raccontarlo agli amici – vi prenderebbero in giro. E nell’era del “managed care” e del “risk pool” [due formule del sistema sanitario statunitense], di certo non vorrete far perdere tempo al vostro medico dicendogli che sentite un clic o avete una salivazione eccessiva.

Le cose riportate in quella discussione su Reddit spaziano dall’ordinario (“Quando sbadiglio mi lacrimano entrambi gli occhi”) al preoccupante (“A volte mi dimentico di respirare”). Molti tra i commentatori scoprono di non essere soli.

Rinfrancato da questi legami che si possono instaurare a partire da strani – e a volte disgustosi – comportamenti del corpo, Slate ha portato la discussione su Reddit a un gradino superiore: abbiamo sottoposto le domande più popolari ai medici, chiedendo loro spiegazioni. (Le domande sono riportate tali e quali, parola per parola, con ortografia e punteggiatura originali). Leggete, e forse scoprirete qualcosa che non sapete riguardo questo curioso, incredibile involucro in cui siamo nati.

 

1. A volte il mio udito “si spegne” e tutto diventa sordo.. e poi un suono ad altissima frequenza stride per qualche minuto. Non lo sente nessun altro, e tutto sembra davvero ovattato mentre succede. Forse sono gli alieni.

“Soltanto una piccola arteria fornisce sangue alla coclea”, la sezione finale dell’orecchio interno, spiega Christopher Chang, otorinolaringoiatra dell’ospedale di Warrenton, nella contea di Fauquier, in Virginia. “Quando l’afflusso sanguigno rallenta o si interrompe, l’udito diminuisce”.

Il ronzio è una conseguenza della temporanea perdita dell’udito. Chang lo paragona alla sindrome dell’arto fantasma, per cui le persone avvertono dolore o prurito in una parte del corpo amputata. “Quando c’è una perdita dello stimolo sensoriale del corpo verso il cervello, a volte il cervello reagisce con sensazioni fantasma”. Il ronzio è il modo in cui il cervello colma lo spazio bianco che si viene a creare quando l’orecchio smette di mandare segnali.

I medici non sanno cosa provochi la riduzione del flusso sanguigno nella coclea. Potrebbero essere spasmi nel vaso sanguigno, coaguli, disidratazione, o altri fattori. Nella maggior parte dei casi, l’udito ritorna normale nel giro di pochi minuti. Se dura più di qualche ora, dovreste farvi vedere da un medico. Forse soffrite di improvvisa perdita dell’udito sensorineurale, una patologia seria che può essere permanente.

 

2. Ogni volta che sto per vomitare la bocca mi si riempie di saliva dal sapore metallico. Come se le mie ghiandole salivari andassero a mille. E per via di questa cosa riesco a sapere con un buon minuto di anticipo quand’è che sto per vomitare. La sola persona che conosco a cui succeda la stessa cosa è mio fratello. L’ho spiegata a un sacco di miei amici e nessuno di loro capisce di che sto parlando.

“È una scialorrea a getto”, dice Jay Kuemmerle, docente e primario di gastroenterologia, epatologia e nutrizione al Medical College dello Stato della Virginia. “Quando le cose si preparano a risalire nell’esofago, c’è un riflesso che provoca un’intensa salivazione”.

Il sapore caratteristico della saliva da prevomito ha a che fare con l’alcalinità. Il contenuto dello stomaco è altamente acido, e la reazione del corpo è quella di produrre saliva basica per neutralizzare il vomito. (A volte la saliva può avere un sapore simile quando state mangiando, ma il cibo copre questo sapore metallico).

Se vi capita di avere questa salivazione con questo sapore soltanto prima di vomitare, non c’è ragione di preoccuparsi. Se però vi ritrovate regolarmente con la bocca piena di saliva metallica, fatevi vedere da un medico. Potrebbe essere sintomo di reflusso silente – un altro disturbo in cui gli acidi contenuti nello stomaco risalgono nell’esofago. Il reflusso silente, se non trattato, può danneggiare il rivestimento dell’esofago e provocare abrasioni dentali o persino mal d’orecchie.

 

3. A volte riesco a sentire le pulsazioni sanguigne nelle orecchie. Quand’ero piccolo credevo fosse il “treno dei miei pensieri”.

“È molto comune che la gente riferisca di riuscire a sentire o avvertire il proprio battito cardiaco nelle orecchie”, dice Patrick O’Gara, presidente dell’American College of Cardiology e primario di cardiologia al Brigham and Women’s Hospital di Boston, Massachusetts. “Alcuni dicono di avvertirlo più facilmente di notte, quando sono sdraiati su un fianco”.

O’Gara spiega che, quando si resta distesi su un fianco, le arterie intorno all’orecchio possono essere compresse contro le ossa craniche. Dato che in questo caso il suono è effettivamente trasmesso più attraverso le ossa che via aria, questo può causare la sensazione di ascoltare il proprio battito cardiaco. Le persone che hanno questa sensazione quando sono in piedi potrebbero avere le arterie più aderenti al loro cranio, o essere semplicemente più in sintonia con quel suono.

 

4. Avete presente quella piccola cosa rosa all’angolo degli occhi? Quella mia di sinistra scricchiola quando mi stropiccio l’occhio o anche quando lo tocco soltanto.

Questo è un insieme di cose, dal punto di vista anatomico. “La piccola cosa rosa non scricchiola”, dice Anne Sumers, un’oftalmologa clinica e portavoce della American Academy of Ophthalmology. “La caruncola lacrimale è del tutto silenziosa”.

Questo scricchiolio infatti è il suono prodotto dalla fuoriuscita di aria attraverso i punti lacrimali – dei piccoli tubi che collegano gli occhi alla sacca lacrimale, da cui provengono le lacrime. A volte l’aria può entrare in questa sacca attraverso il dotto nasolacrimale che connette la sacca al naso. (La connessione tra gli occhi e il naso è anche la ragione per cui vi cola il naso quando piangete).

“È soltanto un trucchetto fisiologico che alcuni riescono a fare”, dice Sumers, “come tipo una cornamusa”.

 

5. A volte dimentico di respirare, comincio a respirare davvero piano e quindi mi fermo per un attimo completamente e realizzo, oh cazzo, non sto respirando.

Qui ci sono due possibilità. “Nei pazienti obesi”, dice Humam Farah, specializzato in malattie polmonari e disturbi del sonno alla Hannibal Clinic del Missouri, “l’addome può fare pressione sul diaframma contro il torace, riducendo la capacità polmonare. Inoltre, le persone obese possono sviluppare resistenza alla leptina, un ormone che contribuisce a stimolare il cervello a respirare.

L’altra spiegazione è una forma di apnea. “Quando mi sveglio la mattina, non penso ‘ora vado a fare colazione, poi vedrò qualche paziente, e intanto respirerò’”, spiega Farah. “Le persone con apnea centrale sono più consapevoli del loro respiro, e a volte possono interromperlo”.

Questo disturbo è noto da diverso tempo. Probabilmente è stato la fonte di ispirazione di un antico mito noto come “la maledizione di Ondina”, secondo il quale una ninfa tradita condannò il suo amante ad avere coscienza di tutte le funzioni corporee, incluso il respiro. Oggi, un certo tipo particolare di disturbo respiratorio del sonno [ipoventilazione alveolare primitiva] porta il nome di questa ninfa, appunto.

Ci sono diverse cause possibili per questo disturbo: una mutazione genetica, gli antidolorifici, oppure un problema con l’equilibrio del pH del corpo. Quando sei sveglio, il problema non è così pericoloso. La concentrazione di anidride carbonica nel sangue salirebbe al punto che il cervello non potrebbe continuare a ignorare il bisogno di respirare. Se invece capita durante il sonno, è un problema medico serio. Nelle persone che soffrono di apnee notturne aumenta la frequenza di aritmie, di insufficienze cardiache e di problemi legati all’insulina. Se vi capita questa cosa e siete obesi, prendete dei farmaci, avete una storia familiare con problemi respiratori, o soffrite di disturbi cardiaci o neurologici, dovreste farvi vedere da un medico.

 

6. Riesco a produrre il suono di un rimbombo nell’orecchio senza muovere un solo muscolo della faccia. Non ho idea di che cosa sia ma somiglia al suono che senti quando avvicini all’orecchio una conchiglia.

“Alcune persone riescono a contrarre due muscoli collegati alle ossa dell’orecchio medio – il tensore del timpano e lo stapedio” dice Chang. “Quel movimento tira le ossa e crea quella sensazione”.

Se non sapete contrarre volontariamente quei muscoli ma volete lo stesso disperatamente ascoltare il suono delle conchiglie, dovreste essere in grado di sentire la stessa cosa stringendo forte i denti.

 

7. Quando mangio (solitamente capita coi carboidrati, come i pancake) senza bere un sorso di qualche liquido, sento come se mi si bloccasse tutto il cibo nel petto. E quando poi bevo, fa un po’ male per i primi sorsi, ma poi sento che il cibo si muove e il passaggio torna libero.

“La parte superiore dell’esofago è fatto di muscoli scheletrici, come quelli delle braccia e delle gambe, ma la parte inferiore è fatta di muscolatura liscia, che non si può controllare volontariamente”, dice Kuemmerle. “In questa zona di transizione, alcune persone hanno uno scoordinamento nell’onda peristaltica che regola il passaggio del cibo”.

Questa sensazione di disfagia, o difficoltà a deglutire, è molto comune con i cibi secchi. In questi casi è di aiuto fare bocconi piccoli, masticare bene, a bere liquidi mentre si mangia. Se avvertite questa sensazione regolarmente, fatevi vedere da un medico. Potrebbe essere un sintomo di problemi muscolari o persino di una massa nell’esofago.

 

8. Ogni tanto, quando mangio qualcosa di dolce, avverto un dolore molto acuto sotto/intorno alle orecchie. Ma forte proprio. Una gran rottura. Ho letto qualcosa a riguardo, credo che abbia a che fare con le ghiandole salivari.

Infatti sono le ghiandole salivari anche in questo caso, a causare questa sensazione. “Quando cominciamo a masticare”, spiega Chang, “le grandi ghiandole salivari sotto la mascella entrano in azione per prepararsi a mangiare e a deglutire. La produzione può essere molto potente, e causare fastidio”.

Questa sensazione solitamente non è limitata soltanto al caso di cibi dolci. In alcune persone, la sensazione addirittura precede il primo morso, perché il cervello anticipa il cibo e stimola la salivazione. E non è neppure un caso limitato alla mascella. Anche le ghiandole parotidi, una vasta ghiandola che si estende fino alla zona delle guance, possono provocare questa sensazione.

 

9. A volte il cuore mi batte talmente forte nel petto che arriva un punto in cui devo dare qualche colpo di tosse per riportare la cosa sotto controllo. È come se fosse un ritmo irregolare, ma non dura per più di qualche secondo.

“Ogni tanto capita di sentire un battito cardiaco molto vicino a un altro – un battito prematuro”, spiega O’Gara. “Dopo questo, c’è una pausa prima del battuto seguente. Ci si sente come se perdessimo un battito, o come se andassimo giù in un ascensore”.

Tossire sembra uno strano rimedio per un cuore che “balbetta”, ma O’Gara dice che con alcune persone funziona. Tossire cambia alcuni impulsi nervosi e può far partire una diversa cadenza nel battito cardiaco. È un trucchetto che funziona meglio nelle persone giovani.

Il battito prematuro (extrasistole) non deve preoccupare troppo se per il resto si è sani. Può essere causato da mancanza di sonno, caffeina, farmaci contro il raffreddore, o una mini-sindrome da astinenza dopo una notte di pesanti bevute. Se però capita ripetutamente e senza una spiegazione, dovreste farvi vedere da un medico.

 

10. Quando sbadiglio, mi escono lacrime da entrambi gli occhi. Tutti mi chiedono se sto piangendo, e devo spiegarlo ogni volta che sbadiglio.

“Lacrimiamo tutto il giorno”, dice Sumers, spiegando che probabilmente non sono gli sbadigli in sé a causare un eccesso di lacrime. Piuttosto gli sbadigli chiudono i punti lacrimali, che contribuiscono a scaricare lacrime dagli occhi. Quando le palpebre si chiudono, le lacrime sono costrette a uscire fuori dagli occhi – ed è qui che ci accorgiamo improvvisamente delle nostre lacrime.

 

11. Tonsilloliti o calcoli tonsillari. Sono delle piccole masse informi bianche o giallastre che ogni tanto escono fuori dalla mia bocca… e puzzano terribilmente.

Questo commentatore si è fatto diagnosi da solo. “I calcoli tonsillari sono come l’acne delle tonsille”, spiega Chang. “Sembrano dei chicchi di riso gialli”.

Abbiamo chiesto il perché dell’odore, di cui molti commentatori su Reddit si sono lamentati. Anche se sembrano dei piccoli chicchi, i calcoli tonsillari sono strutture complesse, tra pieghe, fessure e scomparti. Ciascuno di questi piccoli angoli in cui si formano presenta un ambiente chimico differente, e questo permette a ogni singolo calcolo di ospitare un’incredibilmente densa quantità di batteri aerobi e anaerobi, che puzzano terribilmente. Diversi studi hanno dimostrato che i calcoli tonsillari, o le condizioni che ne favoriscono la formazione, sono responsabili di una notevole percentuale di casi di alitosi cronica.

Sfortunatamente, non c’è una cura facile. Il solo modo di sbarazzarsi definitivamente dei calcoli tonsillari è rimuovere le tonsille che li producono.

 

12. Sento il mio battito cardiaco in tutti i punti del mio corpo senza neppure bisogno di toccarne uno per sentirlo, ma quando vado per cercare il battito cardiaco con una mano non lo trovo proprio…

La prima cosa da notare è che questo commentatore ha confuso il battito cardiaco, la contrazione ritmica del cuore, con la pulsazione, il flusso ritmico del sangue attraverso i vasi sanguigni. Quando lui o lei dice di avvertire il battito dappertutto sul corpo, probabilmente si sta riferendo alle pulsazioni.

“A volte le persone confondono la contrazione di un muscolo spontaneo con una pulsazione”, dice O’Gara. “Le pulsazioni non sono facili da avvertire nelle parti del corpo in cui i principali vasi sanguigni non sono vicini alla superficie del corpo, come per esempio all’addome o alla coscia”.

Quando O’Gara visita un paziente che dice di sentire pulsazioni in posti strani, chiede a lui o a lei di tenerne il tempo e indicarlo battendo il dito sul tavolo, cosa che spesso dimostra che il ritmo è irregolare o che non coincide con quello delle pulsazioni.

Come nel caso del commentatore che dice di non sentire il battito cardiaco nel petto, anche in questo caso O’Gara spiega che si tratta di una cosa molto comune. I tessuti del petto, o anche pettorali molto sviluppati, possono rendere molto difficile sentire il battito cardiaco poggiandoci una mano sopra. Gli studenti di medicina con toraci sottili sono piuttosto apprezzati nei corsi di cardiologia, perché nel loro caso è più facile sentire o addirittura vedere il loro battito cardiaco.

 

13. C’è costantemente un’interferenza, nella mia vista… si vede soprattutto al buio, ma riesco a vederla anche con la luce (e se non la vedo direttamente, percepisco una specie di movimento che suppongo esserne un suo effetto). Ho chiesto ad altre persone e nessuno ne ha idea. È sempre stata lì, per tutta la mia vita.

Anche se non c’è una precisa spiegazione fisiologica per questo commento, si tratta di una cosa comune per cui non c’è nulla di cui preoccuparsi.

“Può capitare di percepire molti fenomeni visuali, come vedere i vasi sanguigni nei nostri stessi occhi, oppure dello mosche volanti (miodesopsie), o dei punti scuri”, dice Sumers. “Se li vedete da sempre, non è il sintomo di un disturbo”.

Sumers spiega che molte persone riferiscono di un’interferenza nella loro vista. Tende a essere associata ad ansia o nevrosi, ma può capitare anche a persone non affette da questi disturbi. Se queste irregolarità compaiono improvvisamente, dovreste farvi vedere da un oculista. Le miodesopsie potrebbero indicare emorragia retinica, per esempio, e le luci lampeggianti potrebbero essere un segno del distacco della retina.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.