• Italia
  • lunedì 14 Luglio 2014

La Costa Concordia è a galla

Si è sollevata di circa 2 metri dal fondale ed è stata spostata di 30 metri di distanza dalle coste dell'Isola del Giglio, tra una settimana partirà per Genova

Dopo due anni e mezzo, lunedì 14 luglio la Costa Concordia è tornata a galleggiare nei pressi dell’Isola del Giglio in Toscana, dove il 13 gennaio 2012 fece naufragio causando la morte di 32 persone. La nave si è sollevata di circa 2 metri dalla piattaforma su cui poggiava e successivamente è stata spostata di una trentina di metri verso est. L’operazione è stata realizzata senza particolari imprevisti, anche se c’è stato qualche problema con il rilascio di un cavo a poppa che ha ritardato parte di lavori. La prima prova di galleggiamento era fondamentale per verificare la stabilità del relitto in vista dei prossimi spostamenti.

La Costa Concordia galleggia grazie a una serie di 30 cassoni che nei mesi scorsi sono stati applicati lungo i suoi fianchi. Fino a oggi i cassoni, alti fino a 33 metri, erano pieni di acqua, che faceva da zavorra per mantenere ferma e stabile la nave sul fondale. Vuotando i cassoni attraverso il pompaggio di aria compressa, la struttura è diventata più leggera e ha permesso alla nave di iniziare a galleggiare. I cassoni non sono stati vuotati completamente, perché per ora la nave non sarà sollevata completamente.

Nei prossimi due giorni i tecnici provvederanno a sistema alcuni tiranti e cassoni, operazioni che non si potevano fare prima per la posizione che aveva assunto la Concordia. Terminati gli ultimi lavori, si procederà entro fine settimana a vuotare ulteriormente i cassoni in modo che la nave si sollevi in tutto di altri 12 metri, oltre ai 2 di oggi. A quel punto, se tutto andrà come nei piani, il relitto potrà essere trainato per eseguire le manovre necessarie per allontanarlo dalle coste dell’Isola del Giglio.

La Costa Concordia sarà accompagnata nel suo ultimo viaggio da 10 mezzi navali, ma solo due di questi saranno utilizzati per il traino vero e proprio della nave: saranno due rimorchiatori collegati a prua con una capacità di tiro pari a 135 tonnellate. Il relitto sarà trainato dal Giglio a nord, fino al porto di Genova Voltri. Per lo spostamento sono state previste due rotte alternative, seppure simili tra loro, che saranno seguite a seconda delle condizioni del mare. Per precauzione si navigherà a una distanza superiore dalle coste rispetto a quanto previsto dalle leggi marittime.

La prima rotta prevede che la Costa Concordia effettui prima un passaggio verso sud per allontanarsi dal Giglio, aggirando l’isola prima di spostarsi a ovest e infine verso nord al largo della coste della Corsica. La seconda rotta prevede un percorso più diretto, con uno spostamento da subito verso nord, poi a ovest verso il mare aperto e infine verso nord per raggiungere la Liguria. La prima rotta è lunga 383 chilometri, la seconda circa 350.

em 14 Luglio 201417:26

Terminate le operazioni di oggi, per un paio di giorni si lavorerà lungo il lato destro della nave, per mettere definitivamente in posizione alcuni cassoni, cosa che non era possibile fare con la Concordia nella precedente posizione, vicina alla costa.

em 14 Luglio 201416:52

Tra le cose che restano, e resteranno, nei ricordi di chi seguì la vicenda della Concordia i primi giorni, c’è sicuramente la comunicazione molto concitata tra il comandante Francesco Schettino della nave da crociera e Gregorio De Falco della capitaneria di porto di Livorno nelle ore del naufragio.


em 14 Luglio 201416:41

In questi due anni e mezzo, la Costa Concordia è finita in diversi reportage, documentari e nel film “La Grande Bellezza” di Paolo Sorrentino.

em 14 Luglio 201416:19

La Costa Concordia in mattina (sopra) e nel pomeriggio (sotto) dopo l’avvenuto spostamento verso est e il suo rigalleggiamento. La nave è stata sollevata mediamente di 2 metri.

em 14 Luglio 201416:10

Sta intanto proseguendo l’operazione di rimorchio a poppa della nave, mancano ancora una decina di metri circa. Le operazioni a prua sono invece pressoché terminata. Non si è proceduto in parallelo perché a poppa c’è stato qualche contrattempo con il rilascio di un cavo.

em 14 Luglio 201416:09

Il centro di controllo collocato sulla Costa Concordia per le operazioni di spostamento.

em 14 Luglio 201415:40

Un giretto intorno al relitto.

em 14 Luglio 201415:25

La data più probabile per lo spostamento della Costa Concordia verso Genova rimane lunedì prossimo, ma molto dipenderà da come andranno i prossimi giorni di lavori.

em 14 Luglio 201415:16

Durante la conferenza stampa, il capo della Protezione Civile Gabrielli ha confermato che al momento non ci sono segni di sversamenti o di particolari inquinamenti delle acque dovute al rigalleggiamento. 

em 14 Luglio 201415:12
em 14 Luglio 201415:10

La parte di prua è già stata spostata di circa 30 metri, mentre la poppa deve ancora compiere parte dello spostamento. Questo è dovuto a un tirante a poppa che non è stato ancora rilasciato.

em 14 Luglio 201415:08

Lo spostamento è circa a metà, dei 30 metri previsti. Successivamente si procederà al suo ancoraggio.

em 14 Luglio 201415:08

È iniziata la conferenza stampa: la Concordia si è staccata mediamente di 2 metri dal fondale artificiale, un po’ di più a poppa, un po’ di meno a prora. È iniziata l’operazione di trasferimento della nave verso est, procede a intervalli e durerà circa un paio di ore.

em 14 Luglio 201415:05

Tra poco dovrebbe iniziare una nuova conferenza stampa di aggiornamento sulle operazioni intorno alla Concordia.

em 14 Luglio 201414:58

Un dettaglio della Costa Concordia.

em 14 Luglio 201414:38

Come appariva la Costa Concordia, vista dal satellite, a pochi giorni dal naufragio del 13 gennaio 2012. Rimase così, inclinata sul fianco destro, per un bel pezzo. (La foto, come tutte le altre, s’ingrandisce cliccandoci sopra.)

em 14 Luglio 201414:25

Le operazioni all’Isola del Giglio intorno alla Concordia sono seguite, tra gli altri, anche dall’Agenzia regionale per la protezione ambientale della Toscana (ARPAT), che verifica i livelli di inquinamento delle acque.

em 14 Luglio 201414:18

Al Giglio per partecipare alle operazioni di rigalleggiamento e spostamento della Costa Concordia, il capo della Protezione Civile Franco Gabrielli ha spiegato che il relitto fino a ora «non ha subito né torsioni né flessioni né cedimenti: la struttura non ha presentato criticità». Ha poi aggiunto che con probabilità il trasporto della nave dall’Isola del Giglio a Genova, dove sarà smantellata, inizierà tra una settimana.

em 14 Luglio 201414:11

Un rimorchiatore durante una delle fasi preparatorie per spostare il relitto della Costa Concordia.

em 14 Luglio 201413:01

Facciamo un breve punto: da qualche ora la Costa Concordia è tornata a galleggiare, dopo essersi staccata dalla piattaforma che la sorreggeva di circa un metro. La nave guadagnerà ancora un metro circa, arrivando a due metri dal fondale artificiale, mentre i tecnici provvederanno ad altri lavori di sistemazione dei cassoni che le sono stati montati intorno. Terminata questa fase si procederà al traino della nave, verso est, di circa 30 metri. Sarà la prima volta che la Concordia torna a spostarsi dopo la rotazione dello scorso settembre per riportarla in assetto verticale.

em 14 Luglio 201412:41

La Costa Concordia ha in tutto 13 ponti.

em 14 Luglio 201412:22

Tra circa una settimana, la Costa Concordia sarà accompagnata nel suo ultimo viaggio da 10 mezzi navali, ma solo due di questi saranno utilizzati per il traino vero e proprio della nave: saranno due rimorchiatori collegati a prua. Il relitto sarà trainato dal Giglio a nord, fino al porto di Genova Voltri. Per lo spostamento sono state previste due rotte alternative, seppure simili tra loro, che saranno seguite a seconda delle condizioni del mare. Per precauzione si navigherà a una distanza superiore dalle coste rispetto a quanto previsto dalle leggi marittime.

em 14 Luglio 201412:17

Lavori intorno a uno dei cassoni montati su un fianco della Costa Concordia.

em 14 Luglio 201412:13

Comprensibilmente, sul sito commerciale di Costa Crociere non ci sono rimandi alla rimozione della Concordia.

em 14 Luglio 201412:07
em 14 Luglio 201412:05

A vederla senza persone o cose familiari intorno, è difficile rendersi conto delle effettive dimensioni della Costa Concordia. La nave è alta in tutto 70 metri, quanto un palazzo di 20 piani, di conseguenza i cassoni sono alti decine di metri. Le loro dimensioni sono notevoli: 10,5 metri per 11,5 metri con un’altezza di 21,8 o 33 metri, a seconda del modello.

em 14 Luglio 201411:58

La notizia del naufragio della Concordia, data il 14 gennaio di due anni fa, qui sul Post.

Ieri sera la nave della Costa Crociere “Concordia” si è incagliata al largo dell’Isola del Giglio (Toscana), dal versante orientale. L’ultimo bilancio del prefetto di Grosseto parla di almeno tre morti e 14 feriti, ma ci sarebbero ancora parecchi dispersi che, al momento, «non sono quantificabili». Nella tarda serata di ieri, poco prima di mezzanotte, la Concordia avrebbe cominciato a imbarcare acqua e a inclinarsi sul fianco destro a causa di una falla che si sarebbe aperta nella zona di poppa, sulla fiancata di sinistra: c’è chi dice che questo squarcio sia di 30 metri, ma alcune testimonianze parlano di 70. La nave, che aveva circa 4.229 persone a bordo tra passeggeri ed equipaggio, era partita alle 19 da Civitavecchia ed era diretta a Savona per la prima tappa della crociera “Profumo degli agrumi” che si sarebbe conclusa a Marsiglia, dopo aver toccato le coste di Sardegna, Sicilia e Spagna.

em 14 Luglio 201411:49

La conferenza stampa al Giglio sul rigalleggiamento della Costa Concordia è terminata. Non sono state date molte informazioni, anche perché siamo solo all’inizio dell’operazione e saranno necessarie alcune ore prima che si proceda allo spostamento del relitto. Il ministro dell’Ambiente, Gian Luca Galletti, ha detto ai giornalisti “spero che vi possiate continuare ad annoiare come fino a ora”, sarebbe il segno che le cose stanno procedendo bene e con calma.

em 14 Luglio 201411:36

Michael Thamm, CEO di Costa Crociere:

Il progetto di rimozione della Costa Concordia fino a ora è costato circa un miliardo di euro, cifra destinata ad aumentare perché nel calcolo non rientrano ancora il trasporto e lo smantellamento a Genova. In tutto il costo sarà di circa 1,5 miliardi di euro.

em 14 Luglio 201411:35
em 14 Luglio 201411:34

Non è ancora chiaro quando la nave sarà spostata di una trentina di metri verso est, perché è in corso la sistemazione di alcuni cavi e cassoni.

em 14 Luglio 201411:32

Insomma, la Costa Concordia è a galla.

em 14 Luglio 201411:32

È iniziata la conferenza stampa sulle operazioni di rigalleggiamento. La nave si è staccata dal fondo, c’è circa un metro tra il fondale artificiale e la Concordia.

em 14 Luglio 201411:30

Maria Sargentini, presidente dell’Osservatorio per il recupero della Costa Concordia:

Per ora tutto sta andando secondo il programma previsto anche sul versante della tutela ambientale. Certo si verificheranno fuoriuscite di acque interne quando la nave si solleverà, sono inevitabili, ma non ci sono elementi per pensare a sversamenti particolarmente pericolosi. E comunque abbiamo predisposto presidi a garanzia della sicurezza che consentono di guardare all’operazione con una certa tranquillità.

em 14 Luglio 201411:26

La Costa Concordia vista da prua, con i cassoni ai suoi lati.

em 14 Luglio 201411:17

Condizioni meteo e del mare permettendo, tra circa una settimana il relitto della Costa Concordia sarà pronto per lasciare definitivamente l’Isola del Giglio. Alla nave parzialmente riemersa saranno collegati alcuni rimorchiatori e sarà avviata una delicata manovra, necessaria per fare orientare la prua dell’imbarcazione verso est. La rotazione sarà eseguita utilizzando 2 rimorchiatori dal lato mare, 2 rimorchiatori di assistenza di poppa e un rimorchiatore per lato. L’intera manovra richiederà circa 4 ore di lavoro.

em 14 Luglio 201411:08
em 14 Luglio 201411:06

A proposito di grandi navi da crociera, qui trovate un bel reportage fotografico di Gianni Berengo Gardin, uno dei più grandi fotografi italiani, sulle navi a Venezia.

em 14 Luglio 201410:58

 In questa foto si vede bene l’operazione di svuotamento di alcuni cassoni pieni d’acqua montati intorno alla Concordia: l’acqua fino a ora ha fatto da zavorra assicurando il relitto al fondale artificiale. (L’immagine s’ingrandisce cliccandoci sopra.)

em 14 Luglio 201410:53

A inizio luglio il Centro Carabinieri Subacquei di Genova ha diffuso un nuovo video che mostra lo stato e le condizioni del relitto della Costa Concordia. Oltre agli esterni, i sommozzatori hanno visitato anche alcuni interni della Concordia: si vedono diversi arredi e numerosi ambienti della nave, compreso un bar e una parte della grande sala in cui venivano organizzati spettacoli a bordo.

em 14 Luglio 201410:35

La Costa Concordia oggi tornerà per la prima volta a galleggiare in verticale, ma staccandosi solo di un paio di metri dal fondale. Dopo uno spostamento verso est di 30 metri, nei prossimi giorni i tecnici provvederanno a farla emergere di diversi altri metri, prima di iniziare il viaggio verso Genova. La Concordia riemergerà di circa 14 metri rispetto alla sua posizione attuale.

em 14 Luglio 201410:13

Per riportare a galla la Costa Concordia negli ultimi mesi sono stati montati intorno alla nave 30 cassoni, contenenti acqua al loro interno, che hanno contribuito a mantenere la nave ferma nella sua posizione. A partire da oggi i tecnici procederanno a vuotare progressivamente i cassoni, immettendo al posto dell’acqua dell’aria in modo che forniscano la spinta necessaria per fare galleggiare la Concordia. L’operazione sarà eseguita molto lentamente per assicurarsi che la struttura della Costa Concordia si mantenga stabile e dimostri di essere in grado di tornare a galla. Sui lati del relitto sono stati posizionati diversi sensori che servono per verificare la risposta della struttura alle varie sollecitazioni ricevute.

em 14 Luglio 201410:06

Terminato il raddrizzamento, la Costa Concordia era messa così (qui trovate molte altre foto).

em 14 Luglio 201410:00

Il raddrizzamento vero e proprio della Costa Concordia durò un’intera giornata e fu alquanto spettacolare, soprattutto a rivederlo accelerato.

em 14 Luglio 20149:58

Si è arrivati fino a qui, cioè all’imminente spostamento della Concordia dal Giglio, dopo una lunga e complicata serie di lavori per mettere in sicurezza la nave, farle guadagnare nuovamente l’assetto verticale e montarle intorno i cassoni che servono per farla galleggiare. Il momento più delicato delle operazioni di recupero è stato lo scorso settembre, quando la nave è stata fatta ruotare su se stessa per raddrizzarla.

em 14 Luglio 20149:55

Con un breve comunicato i tecnici che si stanno occupando del rigalleggiamento fanno sapere che:

Dalle 30.000 tonnellate di peso iniziali ne restano meno di 1.000; completato anche questo step la nave potrà iniziare a staccarsi dalle piattaforme, in un primo momento con la zona di poppa.

em 14 Luglio 20149:52

L’operazione di recupero della Costa Concordia non ha precedenti nella storia della navigazione, e il perché lo si capisce osservando le dimensioni della nave.

em 14 Luglio 20149:50

Poi per lungo tempo è rimasta così, piegata sul lato destro.

em 14 Luglio 20149:45

La notte del naufragio, il 13 gennaio 2012, la Concordia era messa così, poco prima di iniziare a inabissarsi (la foto si ingrandisce cliccandoci sopra).

em 14 Luglio 20149:41

Quello che succede oggi è più o meno questo: sollevare di poco la nave, trainarla di 30 metri verso est, cioè lontano dalla costa del Giglio, ancorarla e prepararsi alle fasi successive.

em 14 Luglio 20149:39

I tecnici si sono messi al lavoro intorno alla Concordia a partire dalle 6 di questa mattina. Nick Sloane, il “senior salvage master” (cioè il capo delle operazioni di recupero) ha raggiunto il ”Remote Operations Center” (ROC), la sala operativa sulla Concordia, in cui sono installate tutte le strumentazioni di comando e controllo per la movimentazione della zavorra all’interno dei cassoni.

em 14 Luglio 20149:35
em 14 Luglio 20149:33

Attualmente la nave poggia sulle piattaforme e il falso fondale costruiti nei mesi scorsi per assicurare la sua stabilità. Parte dell’acqua nei cassoni sarà scaricata in modo che la nave si stacchi di un paio di metri in verticale dal fondale. A questo punto, il relitto sarà trainato molto lentamente da alcuni rimorchiatori verso est. L’intera operazione dovrebbe durare tra le 6 e le 8 ore.

em 14 Luglio 20149:31

Qui trovate una serie di informazioni di contesto su come e con che tempi sarà spostata la Costa Concordia.