Dave Eggers a Campi Bisenzio

Le foto dello scrittore americano – quello di McSweeney e dell’"Opera struggente di un formidabile genio" – in una scuola di scrittura in provincia di Firenze

Lo scorso 13 giugno, lo scrittore statunitense Dave Eggers è stato a Campi Bisenzio, comune in provincia di Firenze, per partecipare a uno dei progetti di “Porto delle Storie”, una scuola di scrittura che si ispira a quella fondata dallo stesso Eggers nel 2002 a San Francisco: 826 Valencia. Agli studenti che al “Porto delle Storie” frequentano i corsi di scrittura e giornalismo è stato chiesto di scrivere le quarte di copertina di alcuni libri di Eggers, senza però averli letti (qui qualche esempio): i loro lavori sono stati poi presentati a Eggers che li ha commentati e ha dato dei consigli ai ragazzi.
Eggers divenne famoso in tutto il mondo con il romanzo pubblicato in Italia nel 2001 “L’opera struggente di un formidabile genio” un’autobiografia scritta dopo la morte dei genitori e nominata nel 2001 tra i finalisti del Premio Pulitzer: dopo ha pubblicato diversi altri romanzi conosciuti in tutto il mondo.

Eggers è anche il fondatore di una celebre rivista letteraria e casa editrice, “McSweeney’s”, ed è stato autore per il cinema per i film “American Life” di Sam Mendes e “Nel paese delle creature selvagge” di Spike Jonze. Il suo ultimo libro pubblicato in Italia, da Mondadori, è “Ologramma per il re”, che è stato inserito nella lista del New York Times dei dieci migliori libri usciti nel 2012 negli Stati Uniti.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.