I dieci libri del 2012, secondo il New York Times

5 romanzi e 5 saggi scelti come i più belli dell'anno: ci sono Dave Eggers e Zadie Smith, un graphic novel, due biografie e una ricerca sui figli "diversi"

Come ogni anno il New York Times ha pubblicato la lista dei dieci migliori libri usciti nel 2012 negli Stati Uniti: cinque saggi e cinque romanzi. Per la narrativa ci sono l’ultimo romanzo dell’americano Dave Eggers – quello di McSweeney e dell’Opera struggente di un formidabile genio – e quello della britannica Zadie Smith – che ha esordito nel 2000 con Denti Bianchi – e un innovativo fumetto di Chris Ware, vignettista e illustratore. Tra i saggi, ben due biografie (una sul padre di John Kennedy e un’altra su Lyndon Johnson) e una ricerca sulle famiglie che crescono – con difficoltà, rischio e a volte soddisfazioni – figli considerati diversi: disabili, prodigi, transessuali o nati da uno stupro.

I dieci libri del 2011, secondo il New York Times

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.