• cit
  • giovedì 19 Giugno 2014

Dal film su Facebook: «Noi non cadiamo mai!»

Una frase perentoria dal film "The Social Network", che torna a essere citata ogni volta che Facebook ha un guaio

In una delle scene più famose di The Social Network, il film sulla nascita di Facebook scritto da Aaron Sorkin e diretto da David Fincher vincitore di tre premi Oscar, Mark Zuckerberg spiega perché Facebook è diverso da tutti gli altri social network: non si rompe mai.

Nella versione in italiano:

Eduardo Saverin: Dovevo avere la tua attenzione, Mark.
Mark Zuckerberg: Ti rendi conto che hai incasinato l’intera società? Ti rendi conto che le tue azioni avrebbero potuto distruggere per sempre quello per cui ho lavorato?
Eduardo Saverin: Abbiamo lavorato.
Mark Zuckerberg: Senza soldi, il sito non può funzionare. Va bene? Lo sai qual è la differenza fra Facebook e tutti gli altri? Noi non cadiamo mai! Se i server sono down, anche per un giorno, la nostra reputazione è irreversibilmente distrutta. Gli utenti sono incostanti. Friendster l’ha dimostrato. Anche se ci lasciano poche persone, si ripercuoterà su tutta l’utenza. Gli utenti sono collegati. È questo il punto! I ragazzini del college sono online perché i loro amici sono online e se una tessera del domino parte, tutte le altre la seguono. Non lo capisci? Non ho intenzione di ritornare alla “Notte dei Caraibi” alla Confraternita! Ti piaceva essere nessuno? Ti piaceva essere uno sfigato?

Nella versione originale:

Eduardo Saverin: I had to get your attention Mark.
Mark Zuckerberg: Do you realize that you jeopardized the entire company? Do you realize that your actions could have permanently destroyed everything I’ve been working on?
Eduardo Saverin: WE have been working on!
Mark Zuckerberg: Without money the site can’t function. Okay, let me tell you the difference between Facebook and everyone else, we don’t crash EVER! If those servers are down for even a day, our entire reputation is irreversibly destroyed! Users are fickle, Friendster has proved that. Even a few people leaving would reverberate through the entire userbase. The users are interconnected, that is the whole point. College kids are online because their friends are online, and if one domino goes, the other dominos go, don’t you get that? I am not going back to the Caribbean Night at AEPi!