• Tecnologia
  • Questo articolo ha più di otto anni

Come usare Google Maps offline

La nuova versione dell'applicazione per smartphone e tablet permette di salvare i dati per usarli senza connessione

Google ha aggiornato la sua applicazione Google Maps sia per Android sia per iOS, aggiungendo opzioni per salvare le mappe e utilizzarle offline, programmare i propri viaggi su treni e altri mezzi pubblici, avere informazioni più dettagliate dal navigatore. L’aggiornamento è disponibile da qualche giorno e può essere scaricato gratuitamente (se avete impostato l’update automatico delle app non dovrete fare nulla per avere la versione più recente: si sarà scaricata da sola). Google continua a investire grandi risorse nelle sue mappe, tra le più diffuse e usate al mondo grazie alla loro presenza sia su computer tradizionali, tramite browser, sia su smartphone e tablet grazie alle applicazioni.

La novità più interessante dell’aggiornamento riguarda la possibilità di salvare le mappe, in modo da utilizzarle quando ci si trova offline (in precedenza era possibile farlo, ma in modo macchinoso). Per farlo basta selezionare un punto della mappa, quando si ha a disposizione una connessione, e scegliere l’opzione “Salva mappa per utilizzarla offline”. Nel passaggio successivo si può indicare l’estensione dell’area che si desidera salvare dentro l’applicazione. L’opzione ha però una limitazione: sulle mappe offline non si possono cercare né visualizzare indicazioni stradali. In pratica è come avere sullo schermo una tradizionale cartina, cosa che può tornare comunque utile, soprattutto se ci si trova all’estero e non si ha una connessione dati su rete cellulare.

Vi raccontiamo per immagini come si salvano le mappe e le altre novità.