Nudi o quasi, a l’Aquila

Il progetto del fotografo Paolo Porto, che ha infilato corpi tra le rovine a cinque anni dal terremoto

Paolo Porto è un fotografo dell’Aquila che nella sua carriera ha fatto cose diverse, ha vinto una volta un premio dell’importante concorso World Press Photo (ma non gli è servito a niente, dice lui) e ha spesso lavorato col movimento di corpi umani, di attori, di ballerini, di modelli e modelle. Dal terremoto dell’Aquila del 2009 – saranno passati cinque anni il 6 aprile – ha provato a mostrare com’è la sua città con scelte creative e di reportage insieme, associando modelle e ambienti devastati, appuntellati, trascurati, tuttora terremotati. Per cercare – come dice esplicitamente – di attirare l’attenzione sull’Aquila, dove l’attenzione arriva ritualmente a ogni anniversario e sparisce poco dopo: mostrando i luoghi intorno ai soggetti e introducendo – letteralmente – i soggetti nei luoghi (“porta un nuovo vivere all’interno dei luoghi e degli spazi”, spiega Rai Arte) indicati poi su una mappa.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.